HomeNewsBrand Intimacy: YouTube ha la relazione migliore con i millennials nel 2019

Brand Intimacy: YouTube ha la relazione migliore con i millennials nel 2019

YouTube è il brand #1 nel Brand Intimacy 2019 Study. Il colosso video è stato il migliore a creare relazioni con i millennials: i risultati sono visibili.

Brand Intimacy: YouTube ha la relazione migliore con i millennials nel 2019

Quick links

YouTube è il brand con la relazione più stretta con i millennials statunitensi, secondo il “Brand Intimacy 2019 Study” di MBLM.

Apple e Netflix sono, rispettivamente, al secondo e terzo posto in questa classifica. Un anno fa, invece, la top-3 era composta, in ordine, da Apple, Disney e YouTube.

Mario Natarelli, Managing Partner di MBLM, ha commentato così il report – che uscirà in forma completa domani:

YouTube si era classificato decimo tra i millennials appena due anni fa e ha costantemente viaggio verso la vetta. Il brand ha dimostrato l’abilità di intrattenere un pubblico millennial diversificato grazie ai suoi contenuti.

Sta ancora continuando la sua espansione di servizi, incluso il lancio di YouTube Music nel 2018, trovando così nuove strade per connettersi con i consumatori.

I millennials, in particolare, si legano con forza all’industria dei media e dell’intrattenimento. YouTube sta facendo un buon lavoro nel costruire un brand che soddisfa i bisogni e le esigenze di questo pubblico.

Che cos’è la brand intimacy?

La brand intimacy, un concetto introdotto proprio da MBLM, misura il livello di connessione emozionale tra brand e clienti.

Creare relazioni con gli utenti, per chi vuole lavorare nel marketing digitale oggi, è imprescindibile.

Come si fa? Il copywriting è uno strumento potentissimo per costruire un rapporto di fiducia con il pubblico.

Essere un “intimate brand” si traduce in vantaggi economici: i brand della top-10 dell’anno scorso, nel periodo 2007-2016, hanno aumentato i ricavi del 9,5% e i profitti medi del 19,1%.

Dati da confrontare con questi:

  • +4,4% di ricavi, +15,5% di profitti medi per i migliori brand della lista Fortune 500;
  • +4,6% sia di ricavi che di profitti medi per le compagnie quotate da Standard & Poor’s.

Cosa significa questo per YouTube?

YouTube, dopo una serie dei problemi negli ultimi anni, ha ricostruito un rapporto di fiducia con gli utenti.

Il lavoro di Google nella gestione dei video caricati e l’introduzione di nuovi servizi sono stati elementi fondamentali in questa strategia.

I risultati?

Il 54% dei millennials, che vogliono esperienze personalizzate dai propri brand preferiti, visitano il sito almeno una volta al giorno – secondo una ricerca di eMarketer citata da The Drum.

Un dato importante è che quasi un terzo di questi utenti (29%) guarda le ads prima dei video per intero.

I ricavi da pubblicità, in effetti, di YouTube sono aumentati dell’11% tra Q3 2017 e Q3 2018.

Brand Intimacy 2019: la classifica completa