HomeWeb marketingSito WebTraveller blogger: come vivere viaggiando grazie a un travel blog

Traveller blogger: come vivere viaggiando grazie a un travel blog

Diventare un traveller blogger è davvero il sogno di molti: pensa come sarebbe vivere viaggiando, girando il mondo praticamente a gratis o a costi molto ridotti. In questo articolo andremo a vedere più da vicino cosa è un traveller blogger e cosa fare per diventarlo.

Traveller blogger: come vivere viaggiando grazie a un travel blog

Quick links

Diventare un traveller blogger è davvero il sogno di molti: pensa come sarebbe vivere viaggiando, girando il mondo praticamente a gratis o a costi molto ridotti.

Ma questo è davvero possibile?

In questo articolo andremo a vedere più da vicino cosa è un traveller blogger e quali sono le competenze che dobbiamo avere per diventarlo ma daremo uno sguardo anche a come poter guadagnare con un blog di viaggi e come viaggiare gratis grazie a Instagram.

Se sei pronto, direi di iniziare subito!

Cosa è un traveller blogger

Il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina.
(Agostino d’Ippona)

Ho sempre amato viaggiare, fin da piccolissima.

Ricordo che da ragazzina, ogni volta che facevo un viaggio con la mia famiglia, tenevo un piccolo diario dove scrivevo quello che avevo fatto durante la giornata e nel quale raccoglievo tutti i miei piccoli souvenir: piccole conchiglie, biglietti del museo, cartoline, fotografie…

Con l’esplosione di Internet e la nascita dei blog, molti viaggiatori hanno smesso di utilizzare i diari cartacei per passare ai diari digitali: i cosiddetti travel blog.

Un traveller blogger è quindi un grande amante dei viaggi che condivide sul proprio blog le proprie esperienze, i propri consigli e le proprie foto di viaggio con il pubblico che lo segue.

Da una semplice raccolta di aneddoti ed esperienze, però, il mondo del travel blogging è diventato per molti un vero e proprio business online che ha permesso loro di viaggiare per il mondo completamente gratis (o quasi).

Vedremo tra un attimo in che modo è possibile guadagnare da un blog di viaggi. Prima però è importante rispondere a una domanda che sorge spontanea: come si diventa traveller blogger?

Come si diventa traveller blogger

Prima la brutta notizia: aprire un blog di viaggi non fa di te automaticamente un travel blogger, esattamente come non fa di te un influencer.

Tra aprire un blog e viaggiare gratis c’è un lungo cammino da percorrere e molte competenze da acquisire o sviluppare. La buona notizia però è che se seguirai questo percorso, diventare un traveller blogger non è certo un’impresa impossibile.

“Ok, tutto chiaro. Ma qual è questo percorso da seguire? E quali sono le competenze da acquisire?”

Vediamole insieme!

Scegli la tua nicchia

Non appena decidi di voler intraprendere la strada del travel blogging, la prima cosa da fare è quello di stabilire quale sarà il tuo target, ossia a quale categoria di persone ti rivolgerai.

Ma che domande, io creerò contenuti per tutti!

Eh no, mi dispiace, non funziona così.

Una comunicazione per tutti è una comunicazione per nessuno.

Dovrai quindi cercare di capire quale sarà il tuo pubblico di riferimento in modo tale da sviluppare un personal branding coerente e di utilizzare una comunicazione coerente.

E quando parlo di comunicazione, non intendo solo articoli di blog. Intendo anche la tua mission, il tuo storytelling, le tue immagini e i tuoi video.

A quale target vorrai quindi rivolgerti? Ecco qualche idea!

  • Viaggiatori low-cost
  • Viaggiatori luxury travel
  • Viaggiatori in pensione
  • Viaggiatori verso una specifica zona (es. viaggi in Oriente o in Sud America)
  • Viaggiatori locali.

Eccetera eccetera eccetera. L’unico limite è solo la tua creatività!

Sviluppa un personal branding solido

Abbiamo già accennato di quanto sia importante la qualità delle tue relazioni piuttosto del tuo numero di follower. E per creare delle relazioni solide e durature, ci viene in aiuto il personal branding.

Utilizzando le parole di Jeff Bezos, il personal branding è “quello che le persone dicono di te quando non sei nella stanza“. Ed è proprio attraverso il branding che puoi condividere i tuoi valori e la tua mission con il pubblico che ti segue.

Puoi creare relazioni, generare empatia e fiducia, differenziarti dai competitor e fare in modo che le persone si affezionino alla te e a ciò che fai.

Questo ti porterà a essere considerato come una fonte autorevole all’interno della tua nicchia, ti permetterà di costruire relazioni sincere e ti aiuterà a stringere collaborazioni e partnership con i vari brand.

Impara le basi del blogging

Così come non puoi diventare uno sciatore se non hai nemmeno un paio di sci, così non puoi diventare un blogger senza un blog.

Se parti proprio dall’inizio, quindi, dovrai innanzitutto acquistare un dominio e un hosting, poi iniziare a pubblicare i tuoi contenuti sul web.

Questo non comporta solo il fatto di creare degli articoli efficaci, ma anche anche di studiarsi le basi della SEO, del copywriting, dell’email marketing.

Ricorda: più ne sai di digital marketing a tutto tondo e più avrai possibilità di creare un blog di successo. Ma è sempre importante poi verticalizzare le nostre competenze su un singolo aspetto.

Impara la fotografia e il video

La forza di un traveller blogger non sta solo nei suoi articoli ma anche (e a volte, soprattutto) nelle immagini. Quelle immagini di mete lontane che riescono a fare sognare così tanto i propri follower.

Uno degli aspetti più importanti di chi fa questo lavoro, infatti, non è solo quello di consigliare luoghi e di raccontare esperienze ma soprattutto quello di saper ispirare il proprio pubblico.

Per farlo, le tue foto e i tuoi video devono avere davvero un’ottima qualità e devono essere in grado di raccontare una storia, di ispirare chi è rimasto a casa, di infondere la voglia di preparare uno zaino e partire.

Impara a usare i social

Comunicare solo attraverso un blog non è sufficiente. I social media sono infatti un terreno molto fertile su cui condividere i nostri contenuti, rendere più stretta la relazione con i nostri follower e trovare nuove persone che ci seguono.

Imparare quindi anche un po’ di social media marketing non è certo una cattiva idea per promuovere la tua immagine.

Infine, quali sono i migliori social da utilizzare per un travel blogger? Ovviamente non esiste una risposta univoca, quello che funziona per me potrebbe non funzionare per te.

Prova a utilizzare 4 o 5 social e fai un test su quali ti portano i migliori risultati. Molto probabilmente Instagram sarà uno di quelli.

Sii paziente e costante

Come ultimo consiglio, vorrei darti quello di non forzare i tempi e di non demoralizzarti se non ottieni risultati fin da subito.

Crearsi un business online è una strada in salita, fatta di sacrifici, studio, testing e tanta pazienza. Vedrai, quando sarai riuscito a salire fino alla vetta, poi la strada sarà tutta in discesa!

Come si guadagna con un blog di viaggi

Abbiamo visto cosa è un travel blogger e come diventarlo. Ma come si guadagna con un blog di viaggi?

I modi per guadagnare sono molteplici: qualcuno li utilizza tutti, altri invece solo alcuni. Principalmente, guadagnare con un blog di viaggio non è molto diverso da guadagnare con un blog di qualsiasi altro tipo.

Ecco quali sono i principali metodi di monetizzazione di un travel blog.

Affiliazioni

Uno dei metodi più semplici per guadagnare da un blog di viaggi sono le affiliazioni. Come funzionano? Molto semplice.

Esistono numerosi programmi di affiliazione in cui puoi sponsorizzare un determinato prodotto o servizio e ricevere in cambio una commissione in caso di vendita o di click sul link.

Qualche esempio possono essere strutture turistiche ed hotel, attrezzatura da viaggio, piattaforme di comparazione prezzi oppure compagnie di volo.

Partnership

Un altro metodo di monetizzazione, a volte non diretta, è quello delle partnership.

Ti porto un esempio molto semplice: stringi una collaborazione con un albergo dove puoi alloggiare gratuitamente o a un prezzo fortemente ridotto in cambio di un articolo sul tuo blog o delle foto per i tuoi social.

Se vuoi alcuni esempi di sponsorizzazioni, cerca su Instagram l’hashtag #ad. Quelle sono tutte collaborazioni strette tra aziende oppure tra brand e influencer.

AdSense et similia

Un altro metodo per guadagnare con un travel blog è quello di inserire dei banner pubblicitari attraverso programmi come ad esempio Google AdSense.

Dopo esserti iscritto al programma, riceverai un codice da inserire sul tuo blog che ti permetterà di inserire alcuni banner. In base al tipo di accordi, potrai ricevere una piccola somma per ogni visualizzazione, click o vendita generata dal banner.

Ovviamente parliamo di pochi centesimi quindi per riuscire a guadagnare cifre importanti con i banner devi avere un traffico sul blog molto molto consistente.

Guide

L’ultimo metodo che vorrei suggerirti per monetizzare il tuo blog di viaggi è quello di vendere al tuo pubblico dei prodotti creati da te, come ad esempio delle guide di viaggio.

Se non sai come fare, prendi qualche spunto da questa guida.

Come viaggiare gratis con Instagram

Riuscire a viaggiare gratis con Instagram non è una cosa semplice, soprattutto agli inizi, ma non è nemmeno qualcosa di impossibile.

Per riuscire a farci rimborsare i nostri viaggi grazie a Instagram, la cosa più importante da fare è senza dubbio quella di creare una community solida interessata a noi, costituita da relazioni genuine.

Non è quindi una questione di quanti follower avrai ma dalla qualità delle relazioni che riuscirai a intessere con loro. Proprio per questo, ti sconsiglio caldamente di acquistare follower che distruggeranno il valore più importante del tuo account Instagram: l’engagement.

Una volta che siamo riusciti a costruirci un buon seguito di follower che amano quello che facciamo e si fidano di noi, probabilmente i brand riconosceranno la nostra influenza nelle decisioni del nostro pubblico.

Ed è proprio da questo che nasceranno le prime collaborazioni, magari con hotel, b&b o compagnie di voli.

Ovviamente questo non è un percorso né semplice né veloce ma vedrai che se sarai abbastanza bravo da sviluppare un ottimo personal branding, le richieste di collaborazioni saranno davvero numerose.

I migliori traveller blogger da seguire su Instagram

Per imparare qualcosa e impararlo in fretta, il modo migliore è quello di imparare da chi ha battuto la strada prima di noi.

Impara dai migliori, lasciati ispirare e crea il tuo stile unico da traveller blogger!

Ti lascio qua di seguito la mia personalissima lista di travel blogger. Non ho la pretesa di conoscerli tutti quindi mi perdonino coloro che sono stati esclusi da questo elenco.

Se conosci però qualcuno che non ho citato e che pensi valga la pena di seguirlo, scrivimelo nei commenti!

Ecco la mia lista.

Conclusioni

Eccoci arrivati alla conclusione in questo viaggio di scoperta del travel blogging.

Abbiamo visto cosa è un travel blogger, come diventarlo e ti ho anche dato una piccola lista di traveller blogger che a mio avviso hanno dei profili davvero interessanti.

Spero che riescano a esserti di ispirazione e ti diano la spinta necessaria per intraprendere questo percorso.

Se hai altri profili da consigliarmi riguardo la nicchia travel, scrivimelo nei commenti. Sarà davvero interessante scoprire nuovi blogger e –perché no?– lasciarsi ispirare dal loro fantastico lavoro.