HomeNewsSpotify punta sui podcast: acquisite Gimlet e Anchor (e non è finita qui)

Spotify punta sui podcast: acquisite Gimlet e Anchor (e non è finita qui)

Spotify ha acquisito di due società di podcasting. Andiamo a vedere quali sono i progetti dell'azienda nel settore e cosa significano per i content creator.

Spotify punta sui podcast: acquisite Gimlet e Anchor (e non è finita qui)

Quick links

Spotify, in occasione della pubblicazione del report del Q4 2018, ha annunciato di aver acquisito la società di produzione di podcast Gimlet Media e il servizio per creare podcast Anchor. Trovi la notizia completa qui.

La notizia arriva in occasione del primo profitto operativo della società: 94 milioni di euro. Un cambiamento drastico rispetto alle ultime perdite (6 milioni nel Q3 2018 e 87 nel 2017).

L’unico dato che ha scoraggiato gli investitori è stato l’abbassamento del profitto medio per utente.

La previsioni per il Q1 2019 sono comunque abbastanza incoraggianti:

  • si dovrebbe arrivare a 100 milioni di utenti paganti;
  • dovrebbero essere raggiunti i 220 milioni di utenti attivi al mese;
  • i profitti potrebbero arrivare a 120 milioni di euro.

I progetti di Spotify per i podcast

In questo quadro è da segnalare il crescente interesse per i podcast. Le acquisizioni di Gimlet e Anchor rafforzano il ruolo dell’azienda nel settore.

Non si conoscono le cifre dell’affare. Secondo rumors, tuttavia, l’accordo con Gimlet è stato chiuso a una cifra vicino ai 200 milioni di dollari.

Ma è noto che Spotify abbia intenzione di spendere 500 milioni di dollari nel 2019 in acquisizioni di start-up nel settore del podcasting.

Si tratta di un’ottima notizia per chi crea contenuti: la società ha già annunciato novità per quanto riguarda Spotify ads e abbonamenti.

Spotify Podcast: nuova opportunità per i content creator

Il CEO e founder di Spotify Daniel Ek ha detto che queste acquisizioni sono una grande opportunità per diversificare l’offerta:

Con il mondo focalizzato sul provare a ridurre il tempo davanti allo schermo, si aprono opportunità pazzesche per l’audio.

Questa opportunità inizia con la prossima fase di sviluppo nel settore audio – il podcasting. Ci sono infinite strade per raccontare storie che servano a intrattenere, educare, sfidare, ispirare o unirci e abbattere barriere culturali.

Spotify, attualmente, è la seconda piattaforma di podcast al mondo dietro Apple.

Ma Ek stima che, in futuro, il 20% degli ascolti sulla piattaforma sarà composto da contenuti non-musicali:

Il formato è in continua evoluzione. Mentre oggi il podcasting è ancora relativamente un piccolo business, vedo un incredibile potenziale di crescita per il settore e in particolare per Spotify.

Stiamo costruendo una piattaforma che offra un’opportunità significativa per i creatori,  coinvolga i nostri utenti e crei un modello di business ancora più solido per Spotify in un settore che riteniamo diventerà significativamente più grande quando si aggiungeranno opportunità di monetizzazione.

In sintesi, secondo la società, puntare sui podcast permetterà di:

  • coinvolgere di più gli utenti;
  • abbassare il tasso di abbandono;
  • accelerare la crescita dei ricavi;
  • aumentare i margini di profitto.

“E quindi?”

Può essere davvero il momento giusto per inserire un podcast Spotify nella tua strategia di content marketing.