HomeWeb marketingContent MarketingScrivere a mano nel mondo digitale

Scrivere a mano nel mondo digitale

Chi non conosce il brand Moleskine? I taccuini che sono stati protagonisti della storia letteraria europea fra il XIX…

Scrivere a mano nel mondo digitale

Quick links

Chi non conosce il brand Moleskine? I taccuini che sono stati protagonisti della storia letteraria europea fra il XIX ed il XX secolo, utilizzati da scrittori del calibro di Oscar Wilde, Hemingway e Picasso.
Chi pensava che l’avvento del digitale avrebbe portato velocemente la carta verso l’estinzione, si sbagliava di grosso.

Il noto marchio ha da poco lanciato il suo ultimo prodotto, un set di scrittura analogico/digitale, adatto (forse) ai nomadi digitali ed ai nostalgici della carta.

Moleskine Smart Writing Set
Moleskine Smart Writing Set

In principio

Per prima cosa rispolveriamo le origini di questo brand.

Moleskine non nasce come marchio, ma come tipologia di prodotto, ovvero un taccuino tascabile ideale per prendere appunti e abbozzare disegni, con alcune caratteristiche distintive come l’elastico che lo tiene chiuso.

A fine anni ’80 l’ultima azienda produttrice di questo tipo di agendine (un’azienda familiare francese) scompare, a causa della morte del proprietario, ma come nei migliori racconti l’agenda torna alla vita grazie alla Modo&Modo che lancia in tutto il mondo, forte del suo glorioso passato, il marchio Moleskine.

Adattamento

L’avvento del digitale non ha trovato impreparato Maria Sebregondi (Direttore Brand Equity e Comunicazione di Moleskine), Francesco Franceschi (titolare di Modo&Modo) e Fabio Rosciglione (responsabile commerciale) che hanno evoluto il prodotto stringendo accordi con il dinamico team di Evernote (che a dire il vero non se la passa benissimo in questo momento) realizzando taccuini “intelligenti”, sui quali l’utente può scrivere a mano per poi trasformare appunti e disegni in digitale tramite l’app Evernote, che renderà il testo ricercabile tramite tecnologia OCR.

Moleskine sta anche aprendo una catena di “Coffee Bar” che riprende l’idea originale di Starbucks, dei caffè francesi di Montmartre e degli attualissimo co-working, creando quindi un ambiente di incontro per nomadi digitali estremamente dinamico.

Smart Writing Set

Arriviamo finalmente al punto dell’articolo (e meno male direte voi!) ovvero l’uscita dello Smart Writing Set, un vero e proprio set di strumenti analogico/digitali, dal costo non proprio economico, che può fare la felicità di chi ama la carta ma non può fare a meno del computer come centro operativo.

Stiamo parlando di un box contenente un taccuino “intelligente” denominato “Paper Tablet” la cui particolarità è la carta micropuntinata, indispensabile per renderlo compatibile con la SmartPen+ (anch’essa inclusa, insieme ad una ricarica di inchiostro); una penna dall’anima bluetooth che può memorizzare tutto quello che scrivete sul taccuino per poi trasferirlo nell’apposita applicazione disponibile per iOS ed Android. I dati sono trasferibili anche in tempo reale, qui sotto potete vedere il video pubblicitario per capirne meglio il potenziale.

Troveremo inoltre un cavo USB per la ricarica della SmartPen+, un manuale utente e il riassunto della storia di Moleskine.

Moleskine SmartPen+
Moleskine SmartPen+

Strumento utile o campagna marketing per nostalgici?

Non giudicherò l’utilità o meno di questo prodotto od il suo prezzo, ritengo queste considerazioni prettamente personali e di dubbia utilità.

Trovo invece interessante vedere come, in un mondo che procedere velocemente verso la digitalizzazione di tutto ciò che è digitalizzabile, da libri alle riviste, siano sempre più le persone (e le aziende) che cercano di mettere in comunicazione queste due “anime” con prodotti ibridi più o meno riusciti e più o meno utili.

L’unica cosa sicura è che la carta, come strumento di tutti i giorni, è ben lontana dallo sparire dai nostri scaffali.