Seleziona una pagina

In questo articolo ti guiderò a scoprire ClickFunnels e le sue funzionalità, mostrandoti come puoi utilizzarle anche tu per il tuo sito web e replicare con successo un'ottima strategia che avrà un unico scopo ben preciso: aumentare le tue conversioni.

Ebbene, lo confesso: da quando ho scoperto ClickFunnels mi si è aperto un mondo completamente nuovo e per giorni non sono riuscita a smettere di usarlo.

E non solo per la quantità immensa di cose che puoi fare con questo tool e per la sua semplicità di utilizzo ma anche – e soprattutto – per l'estrema bellezza delle pagine che è possibile creare.

Ho deciso quindi di rinnovare completamente il mio blog, rendendolo visivamente più bello, più accessibile, più funzionale. I risultati non si sono fatti attendere: già dalla prima settimana ho notato un incremento delle conversioni, sia per quanto riguarda gli iscritti alla newsletter sia per quanto riguarda la vendita dei miei prodotti e servizi.

Oggi vorrei spiegarti come puoi replicare questi risultati anche sul tuo sito web o blog.

Ma non perdiamo altro tempo con i preamboli: mettiti comodo e iniziamo subito questo viaggio!

Cosa è ClickFunnels

ClickFunnels è davvero un tool unico nel suo genere che ti permetterà di creare delle eccezionali landing page per il tuo sito web che potrai collegare tra loro in modo da creare dei veri e propri funnel, capaci di convertire il tuo traffico in clienti paganti.

Le funzionalità di ClickFunnels sono davvero sconfinate. Puoi ad esempio creare semplici landing page, funnel di vendita, pagine di opt-in o aree riservate, il tutto in 3 semplici step:

  1. Scegli le sezioni da inserire
  2. Trascini le sezioni nel punto esatto in cui vuoi che appaiano all'interno della pagina
  3. Personalizzi il tutto

Nel corso dell'articolo vedremo nel dettaglio come costruire un funnel efficace ma prima di tutto facciamo un passo indietro: che cosa è un funnel?

Cosa è un funnel

Abbiamo parlato di funnel ma… che cosa è un funnel?

Un  funnel è molto più di vendere qualcosa a qualcuno. Devi pensare piuttosto a un funnel come a una sorta di… corteggiamento.

“Ma cosa c'entra ora il corteggiamento? Io ai miei contatti devo vendere il mio prodotto, non devo mica sposarli!”

Hai ragione, non devi sposarli, ma ti assicuro che il meccanismo alla base è lo stesso. Lascia che ti spieghi meglio.

Immagina di avere di fronte a te la ragazza che ti piace. Forse ha già sentito parlare di te o magari ti ha visto in giro ma non avete ancora mai avuto l'occasione per fare quattro chiacchiere.

La prima volta che hai l'opportunità di parlarle, le chiedi di sposarti. Secondo te cosa ti risponderà? Fidati di me, che sono una donna: con questo approccio, la tua ragazza dei sogni si metterà a ridere e girerà i tacchi.

Se vuoi conquistarla dovrai procedere per step. Innanzitutto dovrai presentarti, raccontarle chi sei. Ma non dovrai solo parlarle di te: dovrai saperla ascoltare, capire le sue esigenze, conoscere i suoi sogni, farle sentire che può fidarsi di te.

Poi uscirete insieme, le farai dei regali, intensificherete il rapporto. Lei scoprirà che con te sta davvero bene e sa che hai a cuore i suoi desideri. Adesso sì, puoi chiederle di sposarti: lei probabilmente accetterà.

Ma cosa c'entra tutto questo con un funnel?

Semplice. Prendi la storia che ti ho raccontato, cambia la ragazza dei tuoi sogni con i tuoi contatti e la proposta di matrimonio in una proposta di acquisto: ecco cosa è un funnel.

Detto in modo molto semplificato, quindi, un funnel (ossia imbuto) è un percorso guidato sempre più stretto, come è appunto un imbuto, che accompagna un visitatore del sito web verso il tuo obiettivo, ossia l'acquisto di un prodotto o servizio, passando per alcuni step intermedi.

trafficoNella prima parte del funnel, ossia quella più larga, finirà una grossa fetta del tuo traffico attratta da un'esca, chiamata lead magnet o freebie. In questo step otterrai l'email del visitatore, generalmente in cambio di una risorsa gratuita.

Seguirà la seconda parte del funnel, ossia la fase di conversione, dove dovrai “nutrire” i tuoi contatti e intensificherai la relazione con loro, con lo scopo di portare l'utente potenzialmente interessato (lead) a diventare un cliente effettivo (customer).

Infine arriva la terza e ultima parte del funnel: quella della vendita. Adesso l'utente è “caldo”, ti conosce, sai che gli stai offrendo del valore e si fida di te. Ora potrai proporre il tuo prodotto e servizio e le possibilità di ottenere una vendita è molto più alta.

Arrivare alla vendita un funnel dopo l'altro

Attrazione, conversione e vendita, quindi. E che ce vòle! Semplice, no?

E invece no!

Ti svelo un segreto: questo funnel non è altro che una visione molto ma molto ampia dell'intero processo di vendita. Se vuoi monetizzare la tua attività, infatti, ciascuno di questi step dovrà essere composto da altri mini-funnel intermedi che non avranno come scopo la vendita, bensì raggiungere lo step successivo.

Ti spiego meglio.

Un utente che atterra sul tuo blog per la prima volta molto probabilmente sta cercando delle informazioni gratuite per risolvere un problema nell'immediato. In questa fase il tuo scopo non è vendergli qualcosa ma trasformarlo in un lead. Per fare questo, l'utente attraverserà un primo mini-funnel.

Una volta che il contatto ti ha lasciato la sua email, comincerà una seconda fase, sempre attraverso uno o più mini-funnel, finché l'utente non diventerà un prospect. E così via, di mini-funnel in mini-funnel.

Per realizzare un percorso guidato così specifico ed efficace, servono numerosi tool da installare su WordPress, come LeadPages, Optimizepress, Membermouse e così via. Oltre a un rallentamento inevitabile del sito, quindi, bisogna considerare la spesa di ciascuno di questi strumenti e il tempo da dedicare alla loro gestione.

E si sa, il tempo è denaro.

Con Clickfunnels, invece, non solo puoi avere le funzionalità di tutti questi tool messi insieme ma il tutto viene anche gestito da una piattaforma esterna al tuo sito che non verrà così appesantito da ulteriori plugin.

E questo è stato solo il primo motivo che mi ha fatto letteralmente innamorare di Clickfunnels.

Funzionalità principali: landing page e funnel

Come già accennato, la funzione principale di Clickfunnels è quella di creare delle landing page efficaci da raggruppare eventualmente in funnel per creare il percorso che guiderà il tuo traffico fino a trasformarlo in clienti attivi.

Per prima cosa, dopo l'accesso a Clickfunnels potrai trovare alcuni funnel già pronti da utilizzare per i tuoi progetti. Ti basta scegliere quello di cui hai bisogno, personalizzarlo e renderlo online.

Se invece preferisci creare ex novo il tuo funnel ti basterà cliccare su “Add new” e scegliere sia lo scopo del tuo funnel (lead generation, funnel di vendita o hostare un webinar), dopodiché selezionare il tipo di funnel che vuoi realizzare, come ad esempio un funnel di vendita o un funnel di lancio.

A questo punto potrai iniziare a costruire fisicamente il tuo funnel, aggiungendo di volta in volta le pagine che faranno parte del percorso che hai in mente.

Scrivere un ottimo contenuto però non è tutto: anche l'occhio, infatti, vuole la sua parte. Le persone devono riuscire a sentire che ti stai prendendo cura di loro e non che stai solo cercando di vendere loro qualcosa.

E questo potrai farlo con semplicità attraverso ClickFunnels. Sfruttando le sue innumerevoli funzionalità potrai infatti creare delle landing page davvero accattivanti, personalizzandole completamente in ogni aspetto.

Vediamo nel dettaglio qualche esempio.

Opt-in page

opt in pageLa pagina di opt-in è la porta di accesso che spinge il tuo traffico all'interno del funnel.

In cambio dell'indirizzo email, i nuovi lead potranno ricevere una risorsa gratuita come ad esempio una guida da scaricare o un video da guardare. Questo è un passaggio molto importante perché se non riuscirai a ottenere un contatto con il visitatore, questo se ne andrà probabilmente per sempre e con lui una potenziale vendita.

Inserire un form di opt-in in una pagina è estremamente semplice. È sufficiente infatti creare un box, aggiungere le caselle dei dati che vuoi ottenere (solitamente nome e email) e inserire un pulsante di invio, collegato al tuo autoresponder.

Se lo vorrai, dopo la pagina di opt-in all'interno di questo mini-percorso, potrai poi aggiungere una seconda pagina, solitamente una thank-you page dove si ringrazia di essersi iscritti e si lascia il link per accedere alla risorsa gratuita.

Se opterai per un funnel (o una pagina) già pronte, potrai scegliere tra circa 50 template diversi e potrai anche ordinarli visualizzando per primi i funnel che registrano un più alto tasso di conversioni.

Product launch

launch funnelSe devi lanciare un nuovo prodotto o servizio, puoi creare degli efficaci funnel di lancio per innescare la curiosità del lettore e “scaldarlo” prima del lancio effettivo.

Di default puoi trovare un funnel composto da una squeeze page e da 4 video. Ovviamente potrai decidere se modificare il funnel o costruirne uno nuovo.

Pagine di vendita

pagina di vendita

Il tuo prodotto è pronto, i tuoi lead sono stati “scaldati” e si sono trasformati in prospect: è il momento di vendere!

E per farlo, dovrai creare una pagina di vendita.

Un funnel di vendita è quindi quell'ultimo (ma non ultimo!) step che convertirà il tuo contatto in cliente pagante.

Ma perché questo non è davvero l'ultimo step? Semplice: perché un cliente non va mai abbandonato dopo l'acquisto. Dovrai continuare a tenerlo in considerazione, coccolarlo, nutrirlo con nuovi materiali, di funnel in funnel, portandolo a un successivo acquisto.

I clienti che hanno acquistato, infatti, se sono rimasti soddisfatti del tuo prodotto, è molto probabile che acquisteranno di nuovo.

Area membership

pagina di loginSe il tuo progetto richiede la presenza di aree membri, con ClickFunnels puoi crearle in modo estremamente semplice.

Ti basta accedere alla tua dashboard, cliccare su Add new > Sell your product > Membership.

All'interno del funnel potrai quindi inserire una pagina di registrazione, una pagina di login e tutta l'area riservata agli iscritti o ai tuoi clienti.

Webinar (live/replay)

pagina webinarAnche creare degli webinar è un gioco da ragazzi. Potrai anche scegliere se creare un webinar live oppure optare per un webinar pre-registrato.

Pagine varie

pagine varieNella sezione “Misc” potrai creare tutte le pagine che non appartengono a una delle categorie finora menzionate come le pagine about me, pagine 404 o le pagine per un e-commerce. Potenzialmente puoi creare il tuo intero sito web creando la tua home page e le pagine con gli articoli del tuo blog.

Custom funnel

Last but not least, se hai già un'idea in testa è sufficiente creare una pagina nuova e costruirla da zero, aggiungendo eventualmente ulteriori pagine per creare un funnel specifico o lasciarla semplicemente come una landing page per il tuo blog.

Altre risorse di ClickFunnels

Creare landing page e funnel non è tutto, bisogna anche ottimizzare l'intero processo. A questo scopo ci vengono in aiuto le altre funzioni ClickFunnels.

A/B test

Innanzitutto che cosa è un A/B test?

Un A/B test (o split test) è un'analisi che serve per verificare l'efficacia di una versione di una pagina del tuo sito rispetto a un'altra versione per trovare quella che converte meglio.

In parole povere, fare uno split test significa mostrare ai tuoi utenti 2 pagine diverse in determinato periodo di tempo, confrontare i risultati e scegliere la pagina “vincitrice”.

Per fare un A/B test è importante partire da un'ipotesi e da un determinato valore che vuoi analizzare. Facciamo un esempio.

Diciamo che hai creato una pagina di vendita e infondo hai inserito un bel pulsantone rosso con scritto “Acquista ora”. Ipotizziamo però che un tasto blu possa convertire meglio.

In questo caso potrai creare 2 pagine identiche, differenti tra loro proprio per un singolo elemento, in questo caso il colore del pulsante: rosso nella prima pagina, blu nella seconda pagina.

Con ClickFunnels puoi creare questo split test. In questo modo potrai verificare con semplicità quale versione della tua pagina ha portato effettivamente il maggior numero di click, il maggior numero di iscrizioni alla newsletter, il maggior numero di vendite o tutto ciò che vuoi testare.

Scegli la pagina sulla quale vuoi fare un test. A fianco dell'anteprima troverai il pulsante “Create variation”.

Split testCliccando sul pulsante ti verrà chiesto se vuoi creare un duplicato della pagina o crearne una nuova. Ti consiglio di creare un duplicato e di modificare di conseguenza l'elemento che vuoi testare.

Mi raccomando però, quando fai un A/B test è estremamente importante modificare un solo e unico elemento. Questo perché se ci sono molte varianti all'interno di una stessa pagina, non capirai quale sia l'elemento che ha portato la migliore conversione.

Procedendo di test in test puoi quindi potenzialmente trovare “la pagina perfetta”, ossia quella che genera il maggior numero di conversioni in assoluto.

Marketplace

Se vuoi una landing page o un funnel già preparato che non è presente nella lista di default della dashboard, niente panico! ClickFunnels offre infatti un grande marketplace dove puoi acquistare nuovi template.

marketplace clickfunnelsPuoi scegliere sia template di singole pagine sia di funnel completi e restringendo poi la ricerca selezionando la categoria di cui hai bisogno, come ad esempio opt-in o sales funnels, o ancora landing page, squeeze page, webinar countdown e così via.

I template sono centinaia e i prezzi partono dai 7 dollari in su. Si trova quindi una pagina (o un funnel) per ogni evenienza e per tutte le tasche!

Come costruire una pagina

Costruire una pagina è estremamente semplice e puoi farlo in soli 3 semplicissimi step:

  1. Costruisci una sezione (delimitata da un riquadro verde)
  2. Definisci gli spazi della sezione (riquadro blu)
  3. Inserisci gli elementi di cui hai bisogno (riquadro arancione)

costruire una pagina1. Costruire una sezione

In questo primo step dovrai costruire una prima sezione. Scegli la dimensione della sezione e inseriscila nella pagina.

2. Definisci gli spazi della sezione

Adesso dovrai decidere il numero di colonne della tua sezione.

3. Inserisci gli elementi

All'interno di ciascun spazio realizzato nello step precedente, potrai adesso inserire gli elementi di cui hai bisogno: titoli, sottotitoli, blocchi di testo immagini, opt-in form e tutto ciò che vorrai.

Come costruire un funnel

Una volta che avrai costruito la tua pagina, potrai decidere di lasciarla come una singola landing page o di inserirla all'interno di un funnel.

Facciamo l'esempio di un funnel di lancio. Dopo una squeeze page dove otterrai l'email dei tuoi contatti, potrai creare una serie di pagine per mostrare i video di lancio uno alla volta, giorno dopo giorno.

Per farlo, basta scegliere “Add new step” nella dashboard del funnel e inserire le nuove pagine.

funnel

Come aggiungere le pagine su WordPress

Per integrare ClickFunnels al tuo sito web puoi inserire il codice della pagina creata all'interno di WordPress o in alternativa puoi scaricare il plugin di ClickFunnels e aggiungere le pagine che hai creato in modo molto semplice.

Per farlo, dopo aver installato il plugin, segui questi punti:

  1. Entra nel tuo pannello di controllo di WordPress
  2. Dal menù principale seleziona ClickFunnels > Add new
  3. Seleziona il funnel e la pagina da inserire
  4. Se vuoi fare uno split test, seleziona la pagina che vuoi mostrare come alternativa
  5. Ridefinisci l'URL
  6. Pubblica la pagina cliccando su “Publish page”

Adesso, all'URL che hai scelto, apparirà la tua nuova pagina. Più semplice a farsi che a dirsi!

Integrazioni

ClickFunnels è facilmente integrabile con tantissimi tool, autoresponder e strumenti di pagamento.

Per farlo, loggati nel tuo account e clicca su Account > Integrations.

Scegli quindi Add new integrations per scegliere il programma che desideri integrare.

integrazioni clickfunnel

Esempi di pagine create con ClickFunnels

Vuoi avere degli esempi magistrali dell'uso che puoi fare di ClickFunnels? Allora ti consiglio di dare un'occhiata al blog di Dario, ai suoi corsi e a Marketers.

Tutte le pagine sono infatti create con ClickFunnels e potrai renderti conto da solo delle potenzialità di questo tool.

Ecco alcuni dei migliori esempi:

about me

marketers book

iof

corsi

marketers

ClickFunnels VS. Optimizepress

Probabilmente ti sarai chiesto quale sia la soluzione migliore per te tra ClickFunnels e Optimizepress.

Sia ClickFunnels che Optimizepress sono due tool straordinari per creare delle landing page e la scelta tra l'uno e l'altro dipende principalmente dagli obiettivi che ti sei posto.

Optimizepress è senza dubbio più economico ma molto meno intuitivo e semplice di ClickFunnels. Se la tua intenzione è solo quella di creare delle landing page e non hai particolari esigenze, Optimizepress può essere un'ottima soluzione per iniziare.

Se vuoi invece fare un salto di qualità o vuoi partire subito in grande, allora opta a occhi chiusi per ClickFunnels. Per la mia personale esperienza, Clickfunnels è la migliore scelta in assoluto. Non solo per la quantità delle cose che si possono realizzare ma anche per l'estrema semplicità con cui puoi costruire una pagina o un funnel.

A differenza di ClickFunnels, infatti, Optimizepress è un po' meno immediato da usare e probabilmente dovrai studiarlo un po' prima di iniziare a creare le tue landing page.

Conclusioni

A mio avviso ClickFunnels è assolutamente un must se vuoi rendere il tuo sito web o il tuo blog davvero efficace e professionale.

Il modo migliore per sapere se ClickFunnels fa davvero al caso tuo è senza dubbio quello di testarlo personalmente. Creando un account, infatti, potrai ottenere un free trial di 14 giorni che ti assicuro sono più che sufficienti per capire a fondo tutte le funzionalità di ClickFunnels.

Per ottenere la tua prova gratuita di 14 giorni puoi iscriverti da qua.

Bene, per il momento è tutto. Prima di andartene però mi piacerebbe conoscere la tua esperienza. Conoscevi già ClickFunnels? Lo hai già usato? E con quali risultati? Fammelo sapere con un commento qua sotto.

Alla prossima!

Eleonora Baldelli

Viaggiatrice, idealista, esperta di linguistica. L’amore per le parole mi ha portato a scrivere per il web e Marketers mi ha insegnato come farne una professione. Nel tempo libero mi dedico alla lettura e alla scoperta di nuovi mondi.

Share This