HomeNewsPerformance Web e SEO: cosa dice Google?

Performance Web e SEO: cosa dice Google?

Performance del Sito Web e SEO: tra JavaScript e metriche, cosa è importante per Google?

Performance Web e SEO: cosa dice Google?

Quick links

Continua la rubrica SEO Mythbusting, serie di video in cui Martin Splitt, Webmaster Trends Analyst di Google, chiarisce alcuni dei dubbi principali sul mondo SEO. Nell’ultima puntata si è parlato – tra le altre cose – di performance web e metriche SEO.

Vediamo in sintesi quello che ci potrebbe interessare di più.

JavaScript: come influenza le performance di un Sito Web?

Non è ben chiaro il rapporto tra JavaScript e Google. Tuttavia, molti ritengono che il motore di ricerca non veda di buon occhio il codice JavaScript in quanto un suo uso eccessivo potrebbe appesantire le pagine di un Sito.

Il Crawler penalizza le pagine con troppo JavaScript?

All’interno del video, Splitt spiega che in fase di crawling il Googlebot analizza per primi tutti gli elementi non JavaScript, tra cui HTML e CSS.

La pagina in questione finisce successivamente in una sorta di “lista d’attesa“, prima di essere analizzata una seconda volta dal Googlebot per quel che concerne gli elementi in JavaScript (ignorati nella prima fase), non appena il motore di ricerca avrà più risorse a disposizione.

In definitiva, se il tuo Sito Web viene aggiornato quotidianamente (e richiede di conseguenza molte scansioni dal crawler di Google) e al tempo stesso possiede diversi elementi in JavaScript che ne appesantiscono le pagine, potrebbe passare anche una settimana prima che i nuovi contenuti vengano indicizzati nella SERP.

Come evitare il ritardo nell’indicizzazione?

Attualmente, è difficile elaborare JavaScript e non tutti i crawler dei motori di ricerca sono in grado di elaborarlo correttamente o immediatamente. In futuro, ci auguriamo che questo problema possa essere risolto, ma nel frattempo consigliamo il rendering dinamico come soluzione alternativa a questo problema“.

Per ovviare al problema del ritardo nell’indicizzazione, Google consiglia di avvalersi del rendering dinamico.

Di cosa si tratta?

Il rendering dinamico è un sistema attraverso cui i contenuti presenti in un sito web vengono visualizzati in base all’user-agent che li richiede.

Google stesso ha fornito delle linee guida su come implementarlo, a cui suggerisco di dare uno sguardo.

Googlebot e Metriche: cosa conta davvero?

Altre considerazioni interessanti vengono fatte da Martin Splitt riguardo le metriche di riferimento per Google.

Se da una parte è vero che Google dà molta importanza a quelle metriche che rispecchiano le performance del Sito, come la velocità di caricamento da mobile, Splitt sostiene che il crawler non considera tanti altri elementi, come la fluidità dello scrolling.

Invece, dà molta importanza alla capacità di risposta della pagina in seguito a determinati input.

Altre metriche user-oriented nominate nel video possono essere approfondite in questo articolo pubblicato su Google Developers.

Sapevi che in un’altra puntata di SEO Mythbusting si è discusso dei tre più importanti fattori di ranking per Google? Assicurati di non perderti il nostro articolo al riguardo!