Seleziona una pagina

In questo articolo scoprirai cosa sono le long tail e come utilizzarle per posizionare il tuo sito e i tuoi articoli, in maniera coerente e sensata rispetto alla strategia di marketing che hai adottato.

longtail

Prima di tutto facciamo un po’ di chiarezza su cosa sono le long tail.

Devi sapere che l’introduzione di termini, detti chiavi, in un motore di ricerca prevede l’inserimento di due tipi di informazioni.

Chiavi esatte

Una chiave esatta è il termine più generico che puoi ricercare.

Per anni molti hanno combattuto per comparire fra le prime posizioni ma, in verità – nella maggioranza dei casi – non ha alcuna utilità. Perché dico questo? Prima di tutto la chiave esatta ha una fortissima concorrenza e una bassissima conversione degli utenti: già questo dovrebbe tenerti alla larga da questo approccio.

Seconda cosa, tendenzialmente gli utenti ricercano informazioni utilizzando chiavi complesse; il classico esempio è quello delle scarpe. Se cerchi un paio di scarpe per andare in montagna, pensi sia più probabile utilizzare il termine “scarpa” oppure, “consiglio scarpa per trekking” o “scarpa per trekking economica”?

Ovviamente, ci sono delle eccezioni, come per esempio il nome di una persona o di un brand, anche se in questo caso bisogna fare una serie di valutazioni che cambiano caso per caso.

Chiavi composte o long tail

La traduzione esatta di long tail è “coda lunga” e identifica tutte le chiavi di ricerca composte da due o più parole. Anche se il concetto può sembrare semplice, non lo è affatto.

Più una frase è specifica, più è semplice convertire l’utente in un cliente (con le dovute eccezioni del caso) ma di contro ci saranno meno utenti a cui vendere il proprio prodotto.

Bisogna quindi fare una valutazione oggettiva dei termini per i quali ci si vuole posizionare, utilizzando strumenti come SEMRush che ti permettono di studiare in maniera precisa la composizione e l’andamento delle Keyword in modo che tu possa farti un’idea delle chiavi conviene grazie a cui posizionarsi.

A tal proposito, ti voglio consigliare due letture: la prima spiega come trovare le giuste parole chiave per posizionarti online, mentre la seconda racconta 6 tecniche SEO per migliorare il tuo inbound marketing; approccio che ho utilizzato, tra l’altro, come ispirazione per scrivere questo articolo.

Scelta delle keyword all’interno di un contesto

Long Tail e contesto

Vorrei concludere lasciandoti qualcosa di concreto che possa esserti di stimolo per portare avanti il tuo progetto.

Lasciamo da parte per un attimo servizi e tool di analisi indispensabili per un’analisi oggettiva e completa dei dati e affidiamoci un attimo solo al buon senso, ipotizzando che il tuo sia un classico business offline, per esempio un pub o un ristorante. Ovviamente, le parole chiave “ristorante” e “pub” non avrebbero alcun senso. O forse no?

La prima considerazione da fare è che la maggior parte delle ricerche, ad oggi, avviene tramite dispositivi mobili e che Google geolocalizza da dove stai eseguendo la ricerca, in modo da darti risultati coerenti e utili.

Se il tuo ristorante è a Milano e un utente che si trova lì vicino cerca online “ristorante”, può essere che fra i risultati si trovi la tua attività.

Nonostante questo sia un punto di partenza, non è comunque sufficiente a portarti un numero interessante di clienti.

Parlando coi tuoi attuali clienti – magari chiedendo loro di completare un breve questionario che dà diritto al 10% di sconto, se compilato – potresti scoprire che molti sono interessati a vedere la partita di calcio il sabato sera e che nessuno fornisce questo servizio nelle vicinanze; oppure che vorrebbero una saletta per cene romantiche perché è pieno di ristoranti per compagnie ma non per coppie.

Intercettando la domanda degli utenti, potresti quindi avere del materiale interessante per posizionare il tuo sito web, utilizzando delle long tail specifiche su una determinata richiesta.

Da qui, ovviamente, consiglio di continuare l’analisi utilizzando altri strumenti, ma potresti aver trovato un buon punto di partenza.

Che ne dici? Potrebbe essere un’idea interessante da applicare? Se ti è piaciuto l’articolo e ci vuoi raccontare che metodi utilizzi per posizionare le tue long tail, lascia un commento qui.

 

 

Roberto Tarzia

Nato fotografo, cresciuto informatico, inizio a pensare che morirò sul web ;) ! Aiuto aziende e professionisti a sviluppare la strategia più efficace per promuoversi in internet.

Share This