HomeWeb marketingSocial Media MarketingSu Instagram vanno meglio le foto o i video?

Su Instagram vanno meglio le foto o i video?

Ti sei mai chiesto se è meglio postare foto o video su Instagram?

Su Instagram vanno meglio le foto o i video?

Quick links

Ciao,

Nuovo post, nuovo giro e nuovo tip!

In questo articolo risponderò ad una domanda che molti mi hanno fatto e che sono certo ti sarai posto anche tu una volta nella vita.

Molto spesso infatti, non basta una corretta strategia di Social Media Marketing ma occorre soprattutto porsi le giuste domande anche a costo di sembrare banali o poco profondi.

Insomma, meglio fare tante domande e compiere le scelte giuste che fare poche domande ed andare a schiantarsi contro un muro, no?

Ma andiamo al sodo adesso!

Su Instagram è meglio postare le foto o i video?

Nei precedenti post abbiamo affrontato già il tema dell’engagement e di come aumentarlo di volta in volta.

Qui il discorso è simile ma non troppo.

Molto spesso infatti, soprattutto nel momento in cui abbiamo acquisito maggiore competenza ed abbiamo avuto accesso a nuovi strumenti ci chiediamo se sia meglio utilizzare Instagram per condividere le nostre foto o i nostri video.

Per chi conosce già il mio modus operandi sa per certo che non può esistere una risposta univoca ad una domanda simile e che tutto possa essere tranquillamente inserito all’interno del mio amatissimo “DIPENDE”.

Ma bando alle chiacchiere, iniziamo!

Per cosa utilizzi il tuo Profilo Instagram?

La prima domanda che bisogna porsi è proprio questa: in che modo utilizziamo il nostro Profilo Instagram?

Lo usiamo maggiormente per condividere le nostre foto?

Lo utilizziamo  per creare dei contenuti video che in meno di un minuto, possano attirare l’attenzione dei nostri utenti?

Sono queste le domande dalle quali dobbiamo partire, mettendo all’interno anche la prima risorsa che utilizziamo per creare i nostri post: il tempo.

instagram-foto-video-tempo

Il tempo impiegato infatti è una delle variabili più importanti da prendere in considerazione quando generiamo un contenuto.

Ovviamente, non faccio alcuna differenza tra l’editing di una foto o di un video, perché ad alti livelli credo siano più che paragonabili.

Il punto è che dobbiamo saltare uno step in questo caso e solo in questo caso, dobbiamo imparare a smettere di pensare al nostro pubblico.

Sì, so che questa frase sembra molto poco in linea con il mio pensiero ma ogni tanto faccio un pò l’egoista anche io.

Ciò che intendo dire è che non possiamo sempre e per sempre stare sotto il controllo del nostro pubblico e neanche pensare di poter creare in modo costante qualcosa esclusivamente bello per loro.

In poche parole, dobbiamo lavorare e creare contenuti che piacciano a noi per primi.

Questa mentalità ci permetterà di capire verso quale contenuto orientarci.

Se infatti ci reputiamo abili fotografi e la fotografia ci piace, allora punteremo verso un contenuto foto, viceversa lavoreremo verso un contenuto video.

Instagram non nasce come piattaforma video

Questo è un aspetto fondamentale a cui fare riferimento quando ci troviamo davanti ad un bivio.

Sarò io ad essere un pò vintage, ma Instagram nasce come piattaforma all’interno della quale condividere foto.

I video sono arrivati dopo, poi le Stories e poi IGTV.

Ma le foto sono rimaste una costante su Instagram.

instagram-contenuto-foto

Se proprio vogliamo spingerci verso i contenuti video esiste già la piattaforma di riferimento ed è YouTube.

Per quanto ogni piattaforma stia cercando di inglobare a se qualunque tipo di contenuto, sono dell’idea che certi canoni non vadano interrotti e che convogliare ogni tipo di contenuto all’interno di una sola piattaforma, sia un grandissimo errore.

Il pubblico che sta su Instagram non è lo stesso di quello che fruisce dei contenuti di YouTube o Facebook.

Sono pubblici differenti e come tali vanno trattati.

Chiaramente non sto dicendo che bisogna per forza essere disciplinati e sempre ligi al dovere.

Dico semplicemente che bisogna capire in quale modo vogliamo comunicare con i nostri utenti e soprattutto quale sia il contenuto giusto da postare all’interno della giusta piattaforma di riferimento.

Ti faccio un piccolo esempio.

Uno fra i più famosi e più seguiti YouTuber al mondo è Casey Neistat.

Se non sai di chi sto parlando, stai commettendo un errore e ti consiglio di recuperare.

Scherzi a parte, Casey Neistat pur avendo milioni e milioni di Follower su Instagram, riesce in modo davvero sublime ad utilizzare questa piattaforma per condividere le sue foto.

Avrebbe potuto fondere i suoi contenuti in una sola piattaforma, ma non lo ha fatto continuando a postare i suoi video su YouTube.

Proprio perché oltre a raccontarsi in modo differente, sa perfettamente di avere a che fare con un pubblico differente all’interno di ogni piattaforma.

Quindi, la prossima volta che ti troverai davanti ad un dubbio del genere, ricordati di Casey!

I video su Instagram durano poco, pochissimo.

Accantoniamo per un attimo IGTV e focalizziamoci esclusivamente sui contenuti video che postiamo su Instagram.

I video postati sulla nostra bacheca hanno una durata che va dai 3 ai 60 secondi al massimo.

Questo significa solo due cose: bisogna essere estremamente ermetici o bisogna pensare diversamente.

Io ermetico non lo sono stai mai, fin dal primo vagito, quindi dubito che riuscirei a diventarlo adesso.

Questo pensiero, interpretato in modo più serio, è un messaggio importante che dobbiamo tenere in considerazione.

Instagram non è ancora una piattaforma video e per essere tale ci vorrà ancora un pò.

Inoltre, fra un video in formato orizzontale che occupa pochissimo spazio sul mio smartphone ed una foto in verticale, so già quale dei due contenuti catturerebbe la mia attenzione.

Ed i video in verticale?

Starai pensando tu.

Ti faccio un piccolo esempio di utilizzo quotidiano che io faccio di Instagram.

Apro la mia App sul mio smartphone e ciò che faccio e dare una occhiata alle Stories per un semplice motivo: so che durano poco.

Sono e voglio essere consapevole che Instagram è una di quelle App all’interno della quale poter saltare da un contenuto all’altro senza dover obbligatoriamente sorbirmi post temporalmente più lunghi di 15 secondi.

Proprio per questo passo più tempo ad osservare le foto degli utenti che seguo piuttosto che le Stories: voglio un contenuto veloce, immediato ed attraente.

Insomma, su Instagram ci sto con un mindset differente rispetto a quello che ho quando sto su YouTube e su Facebook.

Credo che la risposta in fondo stia tutta qui: capire la mentalità che si nasconde dietro l’utilizzo di Instagram.

Conclusioni

Come hai avuto modo di leggere, in realtà non esiste esattamente una regola fissa per stabilire se sia meglio postare un foto o un video su Instagram.

Ciò che conta in realtà è capire in quale modo puoi sfruttare al massimo la piattaforma dentro la quale stai condividendo i tuoi contenuti e ragionare di conseguenza.

Prima di chiudere però, voglio mettere in chiaro una cosa: non ho assolutamente escluso un contenuto rispetto all’altro.

La scelta spetta solo a te come sempre, io spero solo di averti dato un nuovo punto di vista!

Prima di andar via ti invito ad iscriverti agli aggiornamenti così da non perdere nulla di quello che ho in serbo per il futuro ed ovviamente, ti invito ad entrare nel Gruppo Facebook di Instadvanced per scoprire prima di tutti, le nuove strategie da utilizzare su Instagram!

Noi ci leggiamo alla prossima!