HomeWeb marketingSocial Media MarketingIGTV: perché non cambierà nulla?

IGTV: perché non cambierà nulla?

IGTV: una novità spaventosa o un grande flop? Per rispondere a questa domanda c'è solo una cosa da fare, leggere questo post!

IGTV: perché non cambierà nulla?

Quick links

Ciao!

È passato ormai parecchio tempo da quando Instagram ha introdotto IGTV con l’obiettivo di mantenere il più possibile gli utenti all’interno della piattaforma.

In questo post voglio mostrarti come l’introduzione di questa funzione, abbia davvero avuto un impatto inferiore rispetto al previsto.

Colpa di un pensiero errato o di una acuta presunzione?

Scopriamolo insieme, ti va?

Grande!

IGTV: cosa è ed a cosa serve?

Sono già passati parecchi mesi da quando Instagram ha spiazzato tutti (nuovamente) introducendo all’interno della piattaforma un sistema di creazione video che rendesse l’esperienza degli utenti più coinvolgente e rendesse i Creators più motivati a creare contenuti più lunghi e più interessanti.

IGTV.

IGTV-a-cosa-serve

Questo il nome della nuova funzionalità introdotta.

In poche parole, questo nuovo sistema di condivisione di contenuti, da la possibilità a chiunque di creare dei video più lunghi dei 15 secondi delle stories a cui siamo abituati ed inoltre concede l’opportunità di creare dei veri e propri canali all’interno di ogni Profilo.

Sicuramente, riuscire ad avere uno spazio che vada oltre le foto e le immagini curate è sempre un passo avanti.

Ma basta realmente per fare felici gli utenti?

Probabilmente no.

Il motivo è molto semplice.

Prima di tutto, esistono moltissimi altre strade da percorrere se vogliamo far esplodere il tuo Profilo Instagram nel modo migliore.

Inoltre, se dovessimo fare un un rapporto fra fruitori e creatori di contenuti, la bilancia farebbe schizzare il suo ago dal lato dei fruitori perché diciamolo chiaramente: se posti una foto a settimana o fai le Stories sulla pizza che mangi, non sei un creator degno di nota.

Quindi a cosa serve realmente IGVT?

Sicuramente serve a mantenere gli utenti all’interno di un ecosistema comune ed innestare una corsa del topo infinita.

Se entri su Instagram, non ne esci più insomma.

Infatti, se prima stavamo su Instagram per lasciare like o commenti sotto i post degli altri, adesso navighiamo anche per dare uno sguardo ai video presenti all’interno dei Canali dei nostri personaggi preferiti.

Ma siamo sicuri che il tempo passato su Instagram per guardare IGTV sia lo stesso rispetto a quello che impieghiamo per portare a termine le nostre task all’interno dell’App?

Probabilmente no.

Continuiamo a ragionare insieme.

Se vuoi fare la guerra a Youtube, prima pensaci bene.

È innegabile che nel corso di questi anni, Instagram abbia deciso di dare vita ad una sorta di Guerra Fredda digitale a moltissime piattaforme differenti.

Sicuramente ricorderai anche tu perché siano nate le Stories.

Tralasciando la bellezza di una nuova funzione, sappiamo tutti che Instagram ha deciso di implementarle per abbattere di netto Snapchat.

In parte c’è anche riuscito, soprattutto in Italia.

Colpa della nostra pigrizia nazionale o no?

Probabilmente sì, probabilmente no.

Certamente, avere uno spazio dove poter condividere dei contenuti rapidi senza dover ricorrere ad App esterne è stata una mossa azzeccata.

Ma questa volta il discorso è un pò diverso.

In fondo pensaci un attimo.

Cosa associ in modo quasi naturale alla parola video?

Youtube, esatto.

IGTV-Youtube

No, non preoccuparti, non riesco ancora e leggerti nella mente.

Semplicemente siamo cresciuti tutti a pane e YouTube e quindi è una connessione più comune di quanto non si pensi.

Ma soprattutto, c’è una variabile che Instagram crede di poter scavalcare: su YouTube andiamo perché vogliamo vedere dei video.

Proprio l’intento che c’è dietro l’utilizzo di una determinata App spesso fa la differenza e ne decreta il successo o il totale fallimento.

Ogni utente presente all’interno di YouTube utilizza la piattaforma per cercare dei contenuti video, facendo quindi una azione consapevole ed inoltre, inutile negarlo, per vedere dei video nel modo migliore possibile anche utilizzando uno smartphone.

Appunto, se provassi a connettere gli schermi degli smartphone sempre più grandi ed una volontà di godere di determinate esperienze attraverso un dispositivo che puoi tenere sempre in tasca, ecco che IGTV inizia già a scricchiolare un pò.

Il secondo punto a sfavore di Instagram sta proprio nella sua etichetta.

Mettiamo per un secondo da parte Influencer, Creators e compagnia bella.

Noi stiamo su Instagram per lo stesso motivo per il quale stiamo su Facebook: occupare 5 minuti della nostra giornata e farci i fatti degli altri.

Non nascondiamoci dietro un dito dopotutto.

Quindi, almeno per la maggioranza degli utenti, Instagram non rappresenta una piattaforma di ricerca consapevole di contenuti, ma una piattaforma di scoperta degli stessi.

Terzo punto, rivolto soprattutto a chi crea contenuti.

Hai idea di quanto sia rognoso dover editare un vlog o un contenuto video girato con una fotocamera, in un video per IGTV?

Beh se lo hai già fatto, stai piangendo come me ripensando alle ore passate a modificarlo.

Non è possibile, almeno fino ad ora, utilizzare il medesimo video per entrambe le piattaforme ed il motivo è molto semplice: hanno impostazioni differenti.

Banalmente, YouTube va da sempre in modalità landscape, IGTV l’ha invertita di netto.

Riprendiamo per un attimo la bilancia che abbiamo utilizzato qualche riga sopra e pesiamo le modalità di visione delle due piattaforme.

Se dovessi guardare l’ultimo vlog di Casey Neistat, preferiresti farlo utilizzando tutto lo schermo possibile o ti basterebbe una visione lunga e stretta?

Ops, è appena esplosa la bilancia.

Ci siamo intesi, mi sembra evidente.

Inoltre, non so se ricordi, Instagram non è prettamente un’App nativa per i video ma per le foto.

Quindi ok le stories ed i video da 60 secondi, ma non andiamo oltre.

Ma quindi chi ha ragione? Nessuno.

Il senso di questo post non vuole essere presuntuoso o altro, perché ovviamente le mie parole nascono da analisi precise fatte in questo ultimo periodo ma non tengono conto di una variabile: la variabilità stessa.

Proprio così.

Hai solo un modo per capire se ciò che ho detto sia giusto o meno: provare e testare, sempre.

In fondo, nessuno sa quali saranno le vere potenzialità di IGTV da qui ai prossimi 5 anni e magari, fra 6 anni, potrei essere qui a rimangiarmi tutto ciò che ho detto fino ad ora.

Quindi prova comunque ad utilizzare IGTV.

Nel peggiore dei casi ti sarai fatto la tua idea, nel migliore dei casi avrai aumentato in modo esponenziale il numero di interazioni sul tuo Profilo.

È un pò una situazione win-win in fondo.

Prova e poi fammi sapere perché da buon siciliano, sono sempre curioso.

Conclusioni

Siamo giunti alla fine di questo post che vuole essere una doccia fredda in un mare caldissimo di novità.

Ho approfitto del post anche per darti un paio di informazioni in merito all’utilizzo di IGTV ed alle sue (nascoste) possibilità.

Come sempre, ti aspetto nei commenti!

In fondo, adoro poter scambiare quattro chiacchiere, ormai dovresti saperlo.

Se questo post ti è stato utile, ti consiglio di lasciare qui sotto la tua migliore mail e se non lo avessi ancora fatto, ti straconsiglio di dare una occhiata al corso più avanzato d’Italia su Instagram!

Quindi, scopri Instadvanced!

Noi ci leggiamo alla prossima,

Rocco.