HomeNewsGoogle risponde alle critiche sui profili Business falsi

Google risponde alle critiche sui profili Business falsi

Google risponde in seguito all'inchiesta del Wall Street Journal sui profili Business falsi presenti su Google Maps.

Google risponde alle critiche sui profili Business falsi

Quick links

Ad alcuni giorni di distanza dall’articolo del Wall Street Journal sulla presenza di milioni di Business falsi su Google Maps, la compagnia di Mountain View ha fornito la sua risposta.

In un comunicato sul Blog ufficiale, Google ha chiarito la sua posizione in merito.

Attività false su Google Maps: il caso

In un articolo investigativo, il Wall Street Journal racconta come all’interno di Google Maps siano presenti milioni di attività inesistenti, che potrebbero non solo trarre in inganno l’utente, ma anche arrecargli un danno maggiore.

Infatti, alcuni di questi “business” sarebbero creati appositamente per truffare  l’utente. In altri casi, invece, sarebbero proprio i competitors delle attività “reali” a creare dei falsi risultati, così da penalizzare la concorrenza.

Centinaia di migliaia di annunci si diffondono su Google Maps ogni mese, secondo gli esperti. Google afferma di trovarne molti altri prima ancora che questi appaiano“.

La risposta di Google

Poco dopo la pubblicazione dell’inchiesta del Wall Street Journal, Google ha provato a fornire una spiegazione sul suo Blog, con l’articolo “How we fight fake business profiles on Google Maps“.

Per prima cosa, Google riconosce l’esistenza di tale problema. Tale pratica, sia chiaro, va espressamente contro le linee guida di Google.

A quanto pare, però, le contromisure messe a punto dal motore di ricerca non sarebbero ad ora abbastanza efficaci da prevenire la creazione stessa degli annunci falsi.

Ma è davvero così?

Nell’articolo, Google afferma di aver eliminato 3 milioni di profili business falsi solo lo scorso anno. Il 90% di questi è stato cancellato prima ancora che un singolo utente potesse vederli.

Ancora, il sistema interno di Google è stato responsabile per la rimozione dell’85% dei profili, mentre “solo” 250,000 annunci falsi sono stati segnalati dagli utenti.