HomeNewsGoogle ha compiuto 20 anni. Ecco qual è la nuova frontiera della Serp
  • News
  • 30 Gen 2019 (Aggiornamento)

Google ha compiuto 20 anni. Ecco qual è la nuova frontiera della Serp

Dal giorno del suo parto online, 20 ani fa, la mission di Google è quella di rendere sempre più…

Google ha compiuto 20 anni. Ecco qual è la nuova frontiera della Serp

Dal giorno del suo parto online, 20 ani fa, la mission di Google è quella di rendere sempre più precisi e contestuali i risultati offerti per ogni parola chiave o frase digitata da ogni singolo utente, sulla sua barra di ricerca. 

In principio era soltanto un elenco di URL formato dalla presenza e dal calcolo di rilevanza delle singole parole chiave nei link oggetto della Serp. Ma ogni giorno di più, Google aumenta l’importanza della rilevanza del contesto, più che delle parole chiave nella scelta degli URL da presentare per singola Query. Un contesto formato dal comportamento di ricerca dell’utente registrato nel tempo e nel quale i contenuti visuali hanno sempre più rilevanza.

Google ha già disponibili strumenti digitali che permettono di elaborare la Serp, strettamente in relazione al comportamento di ricerca dell’utente. Google ha elaborato Algoritmi che incrociano i risultati delle ricerche compiute dall’utente sui diversi motori, come quello sui voli o sulle immagini, per costruire un insieme coerente riconoscibile come intenzione di ricerca dell’utente. Se digito sulla barra di ricerca “vino rosso”, sulla base dei miei comportamenti precedenti, Google è in grado di capire se ho digitato quella Query per sapere il prezzo medio del vino rosso, o la zona di produzione, o le cantine che lo producono e via di quello passo.  

Dopo 20 anni Google investe sempre sull’importanza dei contenuti visivi nei risultati di ricerca. 

Le immagini e i contenuti visivi giocano un ruolo fondamentale nel processo di sviluppo di Google. Insieme alla Query, Google analizza e seleziona sempre meglio anche le immagini ritenute pertinenti o che rispondono ai criteri di ricerca individuati. Ma ha aggiunto come ulteriore parametro per la scelta, anche la data di pubblicazione e la qualità del contenuto visivo individuato.

Questo significa che per il Seo specialist, presidiare la Serp per una Query di ricerca diventa ancora più importante dal punto di vista della cura del contenuto non soltanto testuale, ma anche e sempre di più da quello del contenuto visivo che l’accompagna, a patire dalla data di pubblicazione e dalla qualità. I contenuti visivi più recenti e più di qualità otterranno un punteggio più alto da parte dell’Algoritmo.

Tra l’altro, l’immagine sarà anche più facile da trovare per Query di ricerca, perché l’individuazione sarà influenzata dalle ricerche precedenti. Ma l’aspetto più rilevante per la Seo è la visualizzazione di Metadati aggiuntivi nelle immagini. L’immagine individuata nei risultati della ricerca includerà presto dati preziosi del knowledge graph, come quelli del creatore dell’immagine, inteso come colui che per primo l’ha prodotta, e quelli di colui che ne può detenere i diritti. Clicca Qui per vedere l’esempio.