HomeGuadagnare OnlineLavoro OnlineFreelance: Ecco come diventare libero professionista nel web

Freelance: Ecco come diventare libero professionista nel web

Nel liquido stato della società attuale descritta dal famoso sociologo e filosofo polacco scomparso nel 2017, Zygmunt Bauman, il…

Freelance: Ecco come diventare libero professionista nel web

Nel liquido stato della società attuale descritta dal famoso sociologo e filosofo polacco scomparso nel 2017, Zygmunt Bauman, il lavoro istituzionalizzato resta legato a dinamiche arcaiche. È anche per questo che la professione del freelance in Italia ha assunto, e continua ad assumere, una notevole importanza in relazione alle occasioni di occupazione che può offrire, proprio perché il web è l’ambiente liquido per eccellenza.

Cosa significa essere freelance ed esercitare una libera professione

Un freelance è generalmente ciò che si intende in Italia un libero professionista, cioè colui il quale esercita in proprio una professione qualificata. In realtà il significato è più restrittivo. Non ci riferiremo mai ad un avvocato come ad un freelance, ma piuttosto come ad un libero professionista che esercita un lavoro in proprio, senza essere alle dipendenze di qualcun altro. Ma allora chi è il freelance? È piuttosto colui il quale presta la sua opera professionale, la sua conoscenza, la sua capacità di saper fare in proprio, ma per diversi soggetti economici contemporaneamente, senza però essere alle dipendenze di nessuno. Il significato del termine freelance è esattamente quello che deriva dall’omonimo termine della lingua inglese usato per indicare il mercenario (free-lance ovvero”Lancia-libera”), cioè un soldato professionista che non serviva un comandante specifico, ma si metteva agli ordini di chiunque lo pagasse.

Tuttavia, il concetto di freelance si è ancor di più esteso ed è divenuto ancor più liquido, appunto, perché si lega ai nuovi paradigmi economici della sharing economy, economia condivisa, ed economia on-demand, economia immediata. In sostanza, oggi, la creazione del prodotto o del servizio avviene a partire dalla richiesta del consumatore, a cui deve seguire un servizio quasi immediato, on-demand appunto. Secondo stime recenti quasi 4 milioni di americani sono lavoratori on-demand. Sono i nuovi lavori che rimandano a brand ormai mondiali e consolidati quali Amazon, Uber, Foodora, Airbnb. In sostanza, non soltanto il mondo digitale del web, ma sempre di più anche quello offline richiede professionisti a chiamata, a tempo, per esercitare la loro professione a progetto. Ci sono diversi validi e qualificati professionisti che esercitano come freelance del web diversi lavori, ma uno degli ostacoli più insidiosi da superare per diventare freelance del web è quello dell’esperienza pregressa e delle referenze o delle recensioni. Si diventa freelance del web grazie all’inbound marketing. Allo stesso modo del consumatore che crea la domanda on-demand, il freelance del web può essere presente con la sua offerta proprio nel momento e nel luogo in cui la domanda si crea spontaneamente.

Lavori Freelance nel mondo del web

Il freelance nel mondo del web è un soggetto capace di sviluppare lavori e competenze digitali legate a diverse professioni tutte indispensabili per coloro i quali, liberi professionisti, aziende, soggetti pubblici, soggetti privati, vogliono creare o incrementare la loro presenza sul web. Vediamo insieme quali sono i lavori freelance più richiesti nel mondo del web.

Grafico freelance/web designer

Per grafico freelance si intende colui il quale lavora da solo per aziende che sappiano già quale progetto grafico realizzare, o in appoggio a progetti curati da agenzie di comunicazione o di marketing online esterne. Il grafico freelance è specializzato in grafica pubblicitaria digitale o grafica editoriale digitale. Il grafico elabora la comunicazione per disegni di una pagina web. In sintesi, il grafico comunica per segni. Più sono gli elementi a disposizione per elaborare il disegno della pagina, a partire da testi e immagini, e meglio è. Sulla base degli elementi a disposizione e delle richieste del committente, il grafico web elabora una o più proposte e la sottopone al committente per la scelta del progetto.

In definitiva, il compito di un grafico web è di potenziare la comunicazione di un prodotto o di un servizio attraverso la sua conoscenza delle arti grafiche. Con la composizione dei colori, del disegno, della pittura, della fotografia, del font e l’impostazione dei diversi elementi grafici secondo le regole codificate della comunicazione visiva, il grafico è nelle condizioni di ottenere un impatto positivo moltiplicatore e attraente degli utenti verso le pagine del sito del committente. Il grafico web potrebbe ben diventare web designer, dal momento che passare dalla grafica al designer il passo è breve e molte delle competenze coincidono. A questo link un’intervista con un web designer freelance che può interessarti

Web Designer

Un web designer è qualcosa di più di un grafico. Le sue mansioni possono riguardare l’attività di semplice elaborazione grafica, ma anche di vero e proprio marketing emozionale digitale, oppure di elaborazione delle tecniche di comunicazione digitale visiva, legate alla gestione degli account e delle pagine dei profili social, tra gli altri Facebook ed Instagram.

Fotografo freelance

In un mondo nel quale l’immagine assume sempre di più un’importanza rilevante nella comunicazione, anche la professione del fotografo si trasforma. Il fotografo freelance non è più soltanto colui che munito di macchina fotografica, interpreta e fissa l’immagine ripresa dall’obiettivo. È anche colui che gli attribuisce, grazie ai software di ritocco e graphic design, un significato ulteriore. Il fotografo freelance lavora per agenzie di comunicazione, agenzia di stampa, aziende editoriali, web agency, agenzie di marketing, agenzia wedding, o aziende che hanno in mente di comunicare per immagine il prodotto/servizio che trattano.  Il mondo digitale richiede sempre di più produzione d’immagine e video. Un buon fotografo ha buone opportunità di lavoro in questo settore, a condizioni determinate. Per prima cosa è indispensabile acquisire una buona tecnica di ripresa e capacità di utilizzo di fotocamere reflex digitali, obiettivi e conoscenza dei programmi di fotoritocco digitale.

A questo link trovi ulteriori informazioni utili sul mondo della fotografia in Italia. La rete può dare tanti spunti di ricerca e approfondimento per chi volesse cimentarsi con l’arte della fotografia. Per prima cosa è opportuno studiare i fotografi più importanti e conosciuti, capire come hanno fatto ad ottenere immagini particolari, con quale attrezzatura, con quale tecnica, attraverso quale percorso di studi. Appena ti sentirai pronto ed avrai elaborato una tua tecnica personale, puoi cominciare a proporla e a farla conoscere attraverso i potenti strumenti del social media marketing. I social network sono gli strumenti ideali, con i quali puoi far vedere i tuoi lavori a migliaia di utenti con un minino investimento. Ma è comunque indispensabile partire dal tuo sito web, condito di blog personale, sul quale pubblicare e descrivere i tuoi lavori, dire chi sei, cosa fai, qual è la tua specialità, quali sono i tuoi progressi e, con il tempo, fornire anche utili consigli per quelli che dopo di te intendono diventare fotografi.

Un buon consiglio che posso darti: prova a realizzare delle interviste ai più bravi fotografi della tua zona e a pubblicarle sul tuo blog accompagnate da qualche loro immagine. Otterrai molto traffico a costo quasi zero. Per i social, Instagram è la piattaforma per eccellenza dell’immagine ma esistono piattaforme più professionali nelle quali puoi caricare le tue fotografie migliori e venderle o farle vedere. Pinterest si sta sempre di più affermando come social network delle immagini, Flickr è un altro portale globale nel quale inserire tutte le tue immagini per farle conoscere. Infine, qui trovi un architetto fotografo tra i più innovativi del panorama europeo, che ha trasformato il concetto stesso di fotografia

Traduttore freelance

Dal momento che il mercato digitale è potenzialmente globale, anche i traduttori professionisti possono trovare mercati fino a qualche anno fa inimmaginabili. Il traduttore freelance online è un professionista indipendente, che normalmente lavora come contraente per le agenzie di traduzione ma sempre più spesso è contattato da clienti diretti. Chiunque abbia un sito web può essere facilmente presente direttamente nei mercati che più gli interessano. Un piccolo tour operator che organizza escursioni esclusive nella zona naturalistica dov’è fisicamente presente può, con il suo sito web, arrivare direttamente all’utente americano, inglese, francese, tedesco, giapponese, cinese, che sta cercando di organizzare il suo viaggio in Italia.

Per riuscirci, però, deve realizzare il sito in tutte le lingue per le quali vuol farsi trovare e far tradurre i testi. Non ha bisogno dei servizi di un’agenzia di traduzione, perché può trovare il traduttore per la lingua che gli serve sulla rete. Ed anche le agenzie di traduzioni che lavorano su committenze più importanti, per esempio testi tecnici e di settore, ingegneria, architettura, giurisprudenza, senza contare che per alcune fattispecie servono le traduzioni ufficiali e riconosciute, lavorano avvalendosi dei traduttori freelance

Copywriter freelance

Copywriter o blogger, o copy persuasive o web writer è un professionista della scrittura chiamato a produrre testi di qualità per 2 tipi di utenti diversi. Il  copywriter freelance scrive contemporaneamente per esseri gli umani e per gli algoritmi dei motori di ricerca. Elaborare testi per il web è forse uno degli aspetti più trascurati da chi pensa di dotarsi di un sito web (ma anche da chi fa un sito web). Invece è uno degli aspetti più importanti. Gli utenti svolgono miliardi di ricerche in rete ogni giorno e lo fanno o per acquisire informazioni, o per cercare direttamente qualcuno che conoscono già (un brand per esempio) o per acquistare qualcosa. I motori di ricerca, invece, hanno il compito di scegliere il miglior sito web disponibile nel loro indice, al fine di soddisfare al meglio l’intenzione di ricerca dell’utente.

Per questo i testi devono essere redatti in funzione della soddisfazione di entrambi i requisiti. Una cosa affatto facile. Quella del copywriter, di solito, è una professione associata al blogger. Ma non è così. Il blogger è qualcuno che fornisce informazioni specifiche su un settore ben definito. Un copywriter è un professionista della scrittura che elabora testi, ma non è un tuttologo. Non può e non è tenuto a conoscere tutto di ogni settore. Il rapporto tra il committente e il copywriter è di stretta collaborazione e fiducia, che può essere riassunto in questo modo: il primo fornisce i contenuti, il secondo li ottimizza per la Seo. Sono questi i contenuti che nel mondo del web si definiscono di qualità o di valore. Un altro aspetto di gran successo che può curare un copywriter è quello dello storytelling (lo affrontaremo in un altro post). Per il momento di basti sapere che uno dei copywriter italiani più conosciuti lo trovi a questo link. Impara da lui e dall’esperienza mysocialweb.

Fashion blogger

È una professione alla quale moltissimi teenagers aspirano ed è una delle attività freelance per eccellenza. Ma è anche quella che richiede precisione e pazienza certosine, perché non c’è nulla di inventato e nemmeno di miracoloso. Un fashion blogger è un blogger specializzato nella moda, che promuove se stesso o le aziende che lo contattano attraverso il suo blog. È prima di tutto un professionista che conosce molto bene le strategie SEO, di content marketing e di inbound marketing, oltre che il complesso e articolato mondo della moda costantemente in evoluzione. Un fashion blogger, per essere tale, deve documentare la propria capacità di creare visibilità online attraverso sistemi di analisi, primi tra tutti Google Analytics, in modo da dare sicure garanzie sulle sue capacità di generare “traffico”.

Il fashion blogger si differenzia dal fashion influencer che, invece, è un soggetto che fa parte del mondo della moda e imperversa sui social soltanto con le immagini, mentre il blogger del fashion è un esperto che diffonde i propri contenuti con immagini, video e testi utilizzando come fonte primaria il suo blog. Un fashion blogger può diventare influencer, diversamente è più difficile il contrario. La professione esercitata dal blogger della moda è estremamente seria e insieme ad immagini, video e testi usati per catturare e consolidare i consensi dei suoi followers è necessario avere anche la capacità di fornire e diffondere informazioni essenziali per le aziende per le quali lavora. Per questo motivo un fashion blogger lavora documentando la sua visibilità, con l’analisi costante del suo blog con gli strumenti adatti come Google Analytics.

Programmatore freelance

Un programmatore è una figura che può coincidere con quella dello sviluppatore. Il programmatore freelance è un professionista in grado di gestire la costruzione di un sito web o la realizzazione di un nuovo software di gestione. Il programmatore può coincidere con il webmaster, entrambi professionisti in grado di gestire il codice con cui si sviluppa un sito web. Definire una professione è un processo delimitato che può essere fuorviante, in un settore senza confini come quello del web. È più facile fare l’elenco delle professioni comparate a quella del programmatore web freelance.

Per esempio, nella progettazione di un sito web non entra in gioco solo la figura del programmatore. C’è quella del progettista web, del web architet, dell’esperto web dell’usabilità del sito, dello sviluppatore o del programmatore, dell’amministratore del database, del web designer e del grafico, del web content editor, del web master e del sistemista. Se vuoi conoscere un elenco organizzato delle professioni coinvolte nella realizzazione di un sito web e scegliere con competenza quella che più ti aggrada guarda qui

Seo freelance

Un’altra figura professionale che genera parecchia confusione è il Seo. Il Seo freelance è colui il quale gestisce la comunicazione del sito web. Se il programmatore e il webmaster sono figure che possono coincidere, il Seo è qualcosa d’altro rispetto ad un tecnico informatico. Il programmatore e il Seo sono due professionisti indispensabili nella realizzazione di un nuovo progetto web. Il Seo si occupa della key research, dell’alberatura del sito web, deve avere delle ottime e indispensabili competenze umanistiche e conoscere bene il funzionamento degli algoritmi dei motori di ricerca.

Un Seo è tecnicamente un esperto di posizionamento seo dei siti web, per frase chiave di ricerca. Si tratta di una professione in netta espansione non soltanto per le richieste, ma anche per le competenze. Un Seo deve sapere che i contenuti dei siti web devono essere ottimizzati per intenzioni di ricerca per modello di business, deve sapere come funzionano gli algoritmi, deve saper indagare su quali sono le intenzioni di ricerca degli utenti, deve saper analizzare il funzionamento di un sito web, deve saper individuare le frasi chiave di ricerca per modello di business. Tuttavia, ad un Seo non gli si chiede di saper necessariamente fare tutte queste cose. Abbiamo già visto che per ognuno di questi aspetti, si sviluppa una professione complessa.

Un Seo è essenzialmente un consulente, ormai indispensabile per chiunque abbia intenzione di esistere in rete, con competenze trasversali, tecniche e di web marketing, in grado di individuare i tecnici giusti, efficaci ed efficienti, in grado di assolvere tutte le necessità di un sito web per ottenerne il posizionamento Seo

Conclusioni

Con questa guida hai acquisito conoscenze che riguardano il mondo digitale, per aspetti che sono generati da quello analogico. Il Seo è spesso un laureato in lettere e filosofia, non un tecnico informatico. Quella del fashion blogger è forse una delle professioni digitali più complesse che ci siano. Il fotografo freelance deve avere delle importanti competenze e capacità nell’ambito della comunicazione visiva. Il mio consiglio per capire quale di queste professioni fa al caso tuo, è quello di analizzare bene le tue competenze. Ma non devi partire dal titolo di studio che possiedi, ma da quello che sai fare meglio. Un giornalista può facilmente trasformarsi in un Seo, così come un antropologo può diventare un copywriter molto bravo. Nell’era digitale le connessioni sono la ricchezza più importante, sono davvero molte e per nulla scontate.