Seleziona una pagina
Scopri come migliorare la qualità delle tue campagne pubblicitarie o la tua presenza sul web grazie al tuo smartphone. Conoscendo le tecniche giuste potrai davvero dare la svolta alla tua qualità online!

In questo articolo troverai alcune tecniche per utilizzare al meglio la fotocamera del tuo smartphone e scattare fotografie professionali senza spendere migliaia di euro in attrezzature.

Ovviamente prima di iniziare, ci tengo a precisare che tutti gli smartphone del giorno d’oggi sono utilizzabili per questo scopo. La qualità può variare leggermente tra i diversi modelli, sia che tu abbia un iPhone 6S con la sua fotocamera iSight da 12 megapixel, sensori all’avanguardia e processore ISP, oppure un semplice telefono di 2 anni fa, più recente, potrai comunque avere subito dei miglioramenti!

Quindi, a meno che tu non abbia un telefono da mezzo megapixel, questi consigli sono perfetti per te! 🙂

Anche tu pensi che i Marketers utilizzino attrezzature speciali e costose per fare fotografie spettacolari? Sai cosa ti dico? Tutti (o quasi tutti) utilizzano semplicemente il loro smartphone!

Proprio così! Prendi il tuo Marketers preferito, guarda le sue foto e si, ha usato semplicemente quello che ha in tasca.
Non ci credi? Guarda qui.

Montagna
Ibiza defender

Lo conosci vero? Dario è il primo ad utilizzare lo smartphone per le fotografie che utilizza sul suo blog personale e persino per la sua brand identity. Con tanti anni di viaggi ed esperienze, ha imparato tutte le tecniche che servono per trasformare il suo smartphone nella miglior fotocamera di sempre.

Pensa che le prestazioni di un moderno smartphone sono più performanti rispetto ad una macchina fotografica di 4/5 anni fa, e questo è pazzesco.

Non solo, anche il suo socio, Luca (che è anche maestro di sci) ha imparato a pieno le potenzialità della fotocamera del suo smartphone e anche grazie a questo corso e riesce a fare foto di questo tipo!

festa
Sci

Negli ultimi anni anche io mi sono appassionato sempre di più al mondo della fotografia, sia per necessità sia per passione, e subito le mie foto hanno iniziato a ricevere ottima visibilità.

Per un Marketers infatti, documentare nel modo migliore è qualcosa da non sottovalutare. La gente è sempre più attenta ai piccoli dettagli, che poi sono proprio quelli che fanno la differenza.

Molti di noi, giornalmente, sono portati a lavorare sulla propria personal identity, in maniera semplice, rapida ed efficace.

Non solo.

Un’immagine di qualità aiuta a migliorare le prestazioni di una possibile campagna pubblicitaria, Facebook ADS e sito web o blog. Infatti, con il crescente numero di persone che decidono di iniziare un’avventura sul web, la prima immagine è quella che conta.

Poco tempo fa, prima di passare un weekend nel sud della Francia, il mio amico Davide, (fotografo professionista) mi ha insegnato delle tecniche fondamentali per scattare con il mio cellulare e sono riuscito ad avere una foto come questa:

Mare

Come ho fatto?

Ti spiego subito.

Innanzitutto assicurati di essere posizionato bene ed avere la giusta impugnatura del tuo smartphone. Proprio cosi, i dettagli di questa foto, come le rocce o il mare, risaltano anche per questo motivo. Più sarai fermo, meglio uscirà la foto.

Successivamente attiva l’HDR che significa High Dynamic Range. Quello che fa è scattare, in maniera automatica, 3 fotografie con 3 esposizioni differenti. Successivamente le unisce, una sopra l’altra, per dare loro la qualità migliore.

In questa situazione troviamo sia la luce del sole sullo sfondo, sia l’ombra sulle rocce. Per farle risaltare entrambe, questa modalità deve essere attivata. Questa tecnica è spiegata in maniera dettagliata nel corso SmartPhotoPro.

Vediamo nel dettaglio quando usare e quando non usare questa tecnica.

Quando utilizzare l'HDR

  • C’è poca luce, sia in ambienti esterni che interni: si tratta della situazione più comune in cui l'HDR si rivela utilissimo. Permette di illuminare le zone più scure senza però rendere troppo chiare le aree già ben illuminate naturalmente;
  • Fotografie di paesaggi: le fotografie di paesaggi solitamente sono composte da zone d’ombra, solitamente si possono trovare in prossimità di fabbricati oppure alberi, e da zone di estrema luce come il cielo, le nuvole e vari riflessi. Con l’HDR queste zone verranno uniformate al livello medio di esposizione avendo così una fotografia perfettamente esposta e dettagliata;
  • Ritratti alla luce del sole: la luce solare direttamente sul viso, lo può deformare leggermente perché crea un forte contrasto tra le parti esposte direttamente alla luce e quelle invece che rimangono in ombra. Con l’utilizzo dell’HDR riuscirai ad ottenere ritratti nettamente migliori.

Quando non devi utilizzare l’HDR

  • Scene di movimento: l’HDR scatta 3 fotografie una dopo l’altra. Se pur questa sequenza è molto veloce, se si dovesse utilizzare questa modalità di fronte ad una scena in movimento, questo provocherebbe un trascinamento dell’immagine dato dalla fusione delle tre fotografie scattate in micro‐momenti diversi, con esposizioni differenti tra loro;
  • Fotografie con alti contrasti (silhouette): se utilizzassimo la tecnica HDR quando vogliamo ottenere delle silhouette, queste risulterebbero poco contrastate e molto più uniformate al colore chiaro della fotografia;
  • Fotografie monocromatiche: a volte avere forti contrasti di luci e ombre rende la fotografia davvero speciale. Per questo, in situazioni particolari, come specchi d’acqua o il particolare di un fiore, l’utilizzo dell’HDR non ottiene nessun risultato positivo, perché andrebbe ad eliminare questi contrasti di luci e ombre, che in questi casi fanno la differenza.

Ovviamente una volta scattata la fotografia ci possono essere moltissime app che ti permettono di correggere i vari parametri, ma la sezione di modifica all’interno del vostro smartphone può essere veramente qualcosa di fenomenale!

LAGO PRIMA copia
LAGO DOPO

Come vedi, la prima foto è molto chiara, con un esposizione scorretta e sopratutto molto piatta. Le leggere increspature in primo piano non si notano affatto, le montagne sono spente cosi come il cielo e le nuvole. Anche la linea d’orizzonte è storta e non allineata con lo smartphone.

Qui dovrai modificare:

  • Il bilanciamento colore;
  • Modificare la saturazione, che ti permette di rendere la foto più o meno “colorata”;
  • Correggere le ombre, aumentandole, per dargli più profondità;
  • Raddrizzare la fotografia per rendere parallelo l'orizzonte alla foto.

Tornando all’HDR, è molto utile saperlo utilizzare anche nelle foto di composizione.

Un esempio di successo!

DWDaniel Wellington si può definire il brand di orologi più famoso sui social, per lo più su Instagram. Infatti negli ultimi anni hanno puntato forte su questo social network promuovendo i loro prodotti ovunque nel mondo, il tutto collezionato con un semplice smartphone.

Sono riusciti a lanciare una campagna chiamata #DWPickoftheDay, dove ogni giorno scelgono le foto migliori delle persone che si ritraggono con un DW e la ripostano sul loro profilo. Ovviamente puoi farlo anche tu. 😉

Come fare a sponsorizzare al meglio un prodotto sui social?

  1. Scegli un prodotto semplice da sponsorizzare: la semplicità infatti è sempre apprezzata e più versatile una volta che deve essere fotografata. Ricordati che la semplicità non significa banalità;
  2. Dai il “la” alla tua pubblicità: scegli il nome della tua campagna, preceduta da un # cosi da semplificarne la ricerca e comincia a fare fotografie al prodotto senza mettere vincoli, l’unico sarà quello di inserire il prodotto stesso nella foto (ovviamente). In questo modo farai capire al tuo pubblico cosa vorresti che loro facessero, prendendo spunto da te;
  3. Punta alla qualità: la qualità è tutto in questo caso. Qualunque prodotto tu abbia, una fotografia corretta ti permetterà di alzare la qualità del tuo brand, indipendentemente dal prezzo e da qualunque altro parametro.

Sempre più spesso infatti troviamo brand famosi che utilizzano queste tecniche e trasformano magari un semplice pranzo all’aperto, in una foto di qualità per promuovere il loro ristorante o un’oggetto presente sul tavolo.

Pranzo

Questa è mia, l'ho postata sul mio profilo Instagram poco tempo fa, ed è la mia preferita.

Prima cosa non pensare che gli oggetti siano li per caso. Il posizionamento bisogna pensarlo ed organizzarlo. Non bisogna diventare pazzi per tutto ciò, però un po' di equilibrio ci vuole.

Ricordati, più è semplice più esce meglio. Lascia che i colori degli oggetti risaltino per conto loro, senza strafare. Se scatti con le impostazioni corrette, avrà già un ottimo risultato.

In questo caso l’HDR ho deciso di non attivarlo, perché volevo far risaltare le zone in ombra e ho regolato l’esposizione con tap to focus.

Come fare?

Quando scatti la fotografia, una volta aver assunto la posizione corretta e deciso il punto da mettere a fuoco, blocca la lunghezza focale. Successivamente regola l’esposizione per dare maggior o minor luminosità alla fotografia, prima di scattare. All’interno del corso SmartPhotoPro trovi approfondimenti e video tutorial riguardo questo argomento.

Così facendo ho potuto ottenere dei colori brillanti senza apparecchiature costose e macchine professionali.

Ricorda, non esiste luce migliore, se non quella dell’aria aperta.

La panoramica

Milano

Ci sono due tecniche differenti:

  1. Ruotare il busto: cosi facendo otterrai fotografie con un effetto fisheye, in cui la parte centrale risulterà più bombata. L’ampiezza dipenderà dal raggio di rotazione;
  2. Muoviti orizzontalmente: così facendo otterrai una foto piatta dal punto di vista della prospettiva, ma di maggiore qualità. Infatti gli smartphone con questa tecnica vanno a fare in sequenza diverse fotografie che poi mettono automaticamente insieme. Cosi facendo la lunghezza in pixel risulterà maggiore. Questo può essere utile se vuoi stamparla in grandi dimensioni o utilizzarla per stampe pubblicitarie.

Un’immagine corretta aiuta te e il tuo brand a esprimere qualità ed attenzione.

Insieme a Davide ho creato il corso SmartPhotoPro perché saper fare fotografie con rapidità e semplicità ti permette di salvare tanto tempo e sopratutto fare un’ottima prima impressione.

Tutti abbiamo uno smartphone in tasca, utilizzarlo al massimo delle sue potenzialità  è solamente un nostro diritto.

Riccardo Suardi

Marketer, strategist e designer. Online per passione, sognatore per professione. Mi alzo cercando nuovi stimoli, quotidianamente, aiutando gli altri a fare lo stesso. Mi piace imparare tutto ciò che non conosco, perché un'idea non basta se non la si sa mettere in pratica.

Share This