HomeWeb marketingEmail MarketingEmail Marketing Automation con Active Campaign: Guida gratuita

Email Marketing Automation con Active Campaign: Guida gratuita

Se stai cercando un software efficace per gestire le tue campagne di Email Marketing Automation, ActiveCampaign può essere la soluzione. Ecco il video corso gratuito di Marketers che ti spiega passo passo come utilizzare questo tool.

Email Marketing Automation con Active Campaign: Guida gratuita

Quick links

Se stai cercando un software efficace per gestire le tue campagne di Email Marketing Automation, ActiveCampaign può essere la soluzione. Ecco il video corso gratuito di Marketers che ti spiega passo passo come utilizzare questo tool.

Viviamo in un’epoca in cui non abbiamo tempo per niente.

Gestire un blog significa dedicare del tempo per dei compiti che vanno eseguiti ogni giorno.
Alcuni sono finalizzati a migliorare il tuo business, altri sono solo semplici formalità che implicano solo una perdita di tempo..

Che cosa succederebbe se questi compiti fossero svolti automaticamente?

Soprattutto quando si decide di fare email marketing, è fondamentale riuscire ad automatizzare i processi e gestire il tutto in maniera semplice.

Non a caso l’Email Marketing Automation è diventato un pilastro portante dei business online anche grazie a nuovi tool che, a differenza del passato, ti consentono di gestire tutto il processo da un’unica piattaforma.

In questa guida gratuita imparerai tutti i passaggi per impostare la tua strategia di Email Marketing Automation partendo da zero con ActiveCampaign, un tool davvero efficace con funzioni di automazione avanzate, lo stesso utilizzato da molti componenti del team di Marketers.

A proposito di Marketers… Sei già iscritto al gruppo Facebook?

Il contributo dei membri è straordinario. Ti consiglio di dare un’occhiata (ecco il link per accedere), sono sicuro che troverai tante informazioni utili per il tuo business e ti accorgerai di entrare in una “famiglia” disposta a dialogare e aiutarti in caso di bisogno.

Ma torniamo all’email marketing…

Se non ti è ancora chiaro perché è così importante avere una mailing list e una buona strategia, ecco 4 motivi che dovrebbero levarti ogni dubbio:

  • Puoi ottenere più lettori sul tuo blog al di là del posizionamento sui motori di ricerca.
  • Il traffico è completamente controllato e qualificato grazie a una acquisizione lead selettiva.
  • Ti permette di costruire una relazione di fiducia con gli iscritti alla newsletter, il che li trasformerà in promotori dei tuoi contenuti.
  • Diventa più facile raggiungere gli obiettivi prefissati attraverso l’intero processo della strategia di email marketing.

Senza dubbio ci saranno altri 100 e più benefici, ma questi mi sembrano già una base più che sufficiente per coglierne l’efficacia, tanto da non meritare chissà quale ulteriore spiegazione 🙂

Che cosa è che l’Email Marketing Automation?

email marketing automation

Non voglio addentrarmi in definizioni tecniche. Da quello detto finora, ti sarà ormai chiaro che l’Email Marketing Automation non è altro che un sistema che ti permette di comunicare con i tuoi clienti (o lead, contatti iscritti alla newsletter) in maniera automatica o semiautomatica.

Lontano dall’email marketing tradizionale, che si basava su una comunicazione quasi-bidirezionale, fare email marketing oggi significa costruire una comunicazione dinamica e personalizzata con i propri abbonati.

Significa personalizzare i tempi di invio, modificare il messaggio in base alle caratteristiche e ai comportamenti dei diversi lead e tante altre tecniche che mirano alla personalizzazione del messaggio per l’utente.

E questo, se decidiamo di automatizzare il processo (perché altrimenti dovremmo passare tutta la vita a scrivere e inviare email ogni volta diverse per i vari abbonati) è quasi come assumere un robot per comunicare con i tuoi abbonati, non trovi?

Chiariamo subito questo punto:

Parlare di robot è tanto eccitante quanto delicato.

Eccitato perché “chi non sogna un robot-assistente che svolga i compiti più noiosi e ripetitivi?”.

Delicato perché “automazione non significa sostituzione”, ed è qui che dobbiamo fare un chiarimento.

La parte “umana” del lavoro è e resterà sempre la base (anche se forse, chissà, un domani…) e i robot sono un “di più” che ci aiutano in molti processi ma non sostituiscono nulla.

I “dati” come base dell’Email Marketing Automation

Tutti i robot, ogni sistema intelligente (anche noi esseri umani) per “funzionare” deve ricevere informazioni dall’esterno.

Se parli con un amico hai bisogno degli occhi o delle orecchie per capire se ti sta ascoltando. Allo stesso modo quando invii una mail devi sapere se un utente la legge e agire di conseguenza (in maniera automatica).

Puoi utilizzare una targettizzazione avanzata in base a dati demografici o sociologici ma, per quanto queste siano precise, non serviranno a nulla se non ricevi informazioni dall’esterno.

Uno strumento di Email Marketing Automation nasce per sfruttare al meglio proprio queste potenzialità dei dati esterni.

Puoi sapere se una persona visita il tuo sito dopo aver ricevuto una mail, se ha compilato un modulo, se ha effettuato un acquisto e altri dati sul modo in cui gli utenti interagiscono con le tue campagne.

Il passo successivo fondamentale alla “raccolta”, è la possibilità di classificare, elaborare e interpretare i dati.

E dobbiamo farlo in un senso ben preciso:

dare un senso ai dati in modo da utilizzarli per prendere decisioni strategiche.

Come vedremo di seguito nella parte “operativa” della guida, un sistema di Email Marketing Automation efficace come ActiveCampaign è lo strumento migliore per sfruttare queste risorse.

ActiveCampaign: che cos’è e perché sceglierlo come tool di Email Marketing Automation

ActiveCampaign

ActiveCampaign è uno strumento che ti permette di fare tutte le operazioni di una piattaforma di email marketing.

Se hai un sito web o un blog e non stai utilizzando un tool del genere per creare la tua newsletter… beh, non perdere altro tempo! Questa è una delle risorse più efficaci che puoi utilizzare.

N.B. Se non hai ancora un blog, puoi crearne uno seguendo le indicazioni delle Mega Guida Gratuita su WordPress pubblicata qui su marketers.

Stiamo parlando dunque di un tool che, oltre alla normale gestione delle newsletter, ti permette di sfruttare diverse opzioni straordinarie nel campo dell’automazione.

Parlando di queste funzionalità, senza entrare nel dettaglio, posso dirti fin da subito che ActiveCampaign non ha rivali per possibilità e facilità di utilizzo, che lo elevano una spanna sopra le altre piattaforme.

Il tutto ruota attorno a una questione:

l’invio di newsletter personalizzare al massimo, tanto da poter personalizzare il messaggio differenziandolo per ogni singola persona iscritta alla newsletter.

Quante volte hai ricevuto una mail e hai pensato che era stata scritta proprio per te? E che effetto a generato questa sensazione sulla tua mente? Il potere dell’attrazione…

E quante volte hai scritto qualcosa e, mentre scrivevi, stavi pensando a qualcuno in particolare dei tuoi contatti? E quanto sarebbe stato efficace quel messaggio se personalizzato in base alla caratteristiche di ciascuno degli utenti che lo riceveranno?

Il potere dell’attrazione… figlio del super-potere della personalizzazione…

Immagina di poter:

scrivere la newsletter per tutti, ma mettere un paio di righe personalizzate per una o più persone. solo per quella persona. Scrivere una mail con delle informazioni differenti in base al servizio email utilizzato; ad esempio, aggiungere del testo particolare per i contatti che usano Gmail dove li inviti a spostare i tuoi messaggi dalla scheda “Promozioni” alla scheda “Principale”.

Beh, non stiamo parlando ancora di qualcosa di eccessivamente avanzato, ma emerge chiaramente che saremo in grado di calibrare i nostri messaggi in base alle caratteristiche del lettore e dei suoi bisogni.

Perché scegliere ActiveCampaign

ActiveCampaign ha un’interfaccia molto semplice per creare newsletter. Prima era alquanto triste, ma adesso l’hanno notevolmente migliorata.

L’Automazione è completa e sviluppata in ogni aspetto, in grado di misurare qualsiasi cosa come clic, aperture email o comportamento post lettura messaggio.

Utilizzando una segmentazione basata sui dati, è possibile comunicare con i contatti in base a come interagiscono con la campagna o con il tuo sito web. Ad esempio, se hanno visitato un determinato URL, possiamo assegnargli un tag e inviare loro una mail specifica.

ActiveCampaign consente di personalizzare le email sfruttando le condizioni. Questo è incredibile. Immagina un tuo contatto, che ha un particolare tag finalizzato a mostrargli una parte di testo personalizzata, che riceve una mail solo se ha risposto negativamente a una campagna precedente, così da potergli comunicare una nuova offerta ancora più accattivante.

Puoi vedere come si comporta un contatto in tempo reale, capire come si comporta sul tuo sito web (utilizzando un pixel di tracciamento in stile pixel di Facebook) e inviargli email personalizzate in base alle sue azioni.

E ancora, con ActiveCampaign puoi creare funnel in maniera semplice e veloce con il drag and drop e il supporto è super veloce ed efficace.

Beh, non manca proprio nulla.

Il prossimo passo è iscriversi, attivare il tutto e iniziare a creare la tua strategia di email marketing.

Cominciamo?

Video Corso ActiveCampaign

Eccoci nel cuore della guida: il Video Corso Gratuito realizzato da Vittorio Civinini per Marketers.

In questa pagina trovi i video da 1 al 5. Per ottenere i video 6, 7, 8 e 9 accedi gratuitamente alla Marketers Academy da questo link (o dal link che trovi più avanti dopo i primi video):

Link per accedere al Video Corso su ActiveCampaign:  Vai al corso gratuito.

1. Creare un account: Panoramica e Upgrade

In questo primo video vediamo come registrarsi a ActiveCampaign, come si presentano le varie sezioni del tool e come effettuare l’upgrade dell’account.

2.  Opt-in e liste

In questo video affronteremo due aspetti fondamentali dell’email marketing: se scegliere un single opt-in o un double opt-in, se avere più liste o una sola lista. Vedremo i pro e i contro di entrambe le doppie opzioni.

3. Creare una lista e importare i contatti

In questo video imparerai a creare una nuova lista di contatti e a importare una lista di lead già esistente. A seguire, una panoramica su come collegare ActiveCampaign con altri tool per importare contatti.

4. Come creare un form

Come creare un nuovo modulo, come creare i vari campi e modificare il layout. Come modificare l’opt-in email e gestire l’azione che conferma l’avvenuta iscrizione alla newsletter.

5. Come integrare il form su un sito o su altre piattaforme

In questo video impariamo a inserire il form creato in precedenza su un sito web, sia su WordPress che su OptimizePress. Inoltre, vedremo come far iscrivere le persone tramite la pagina Facebook.

Video 6, 7, 8 e 9: accedi al corso completo su ActiveCampaign

Come anticipato, per ottenere gratuitamente gli altri video del corso ti basta accedere da questo link:

Registrati gratuitamente qua.

Cliccando sul link avrai accesso al corso completo con tutti i video.

Ecco gli argomenti dei video che troverai:

  • VIDEO 7. Panoramica sulle Automation. Vediamo come gestire le automazioni in una campagna di email marketing, come collegare tra loro le automazioni e alcuni “trucchi” del mestiere.
  • VIDEO 6. Creare un Automation. Come costruire delle automazioni e utilizzare al meglio gli strumenti e le possibilità per ottimizzarle? Questo video fa un primo grande passo nel mondo della Automazioni.
  • VIDEO 8. Goals e Importazioni in Automation. In questo video analizziamo cosa sono i Goals e come possiamo sfruttarli per ottimizzare le campagne. Imparerai inoltre come importare i contatti manualmente nelle automazioni.
  • VIDEO 9. I tag. In questo video approfondiamo l’aspetto “tag”: cosa sono e come utilizzarli in maniere efficace con ActiveCampaign.

Altre risorse utili per il tuo email marketing che puoi trovare qui su Marketers

il video corso ti è stato utile?

Bene, voglio darti qualche altra indicazione per potenziare e migliorare la tua strategia di email marketing.

Qui su marketers abbiamo pubblicato diversi contenuti utili per i Marketers, io voglio segnalartene 3:

  1. Lead generation: strategia e case study [ROI del 3.500%]

Qui trovi un fantastico caso reale di lead generation che ha portato 140.000 euro di fatturato per un cliente con una spesa in Facebook Advertising di 4.000 euro. Un risultato straordinario che vale la pena di capire come è stato raggiunto.

  1. Traffic Academy

Una della basi per chi fa email marketing è generare traffico per aumentare gli iscritti alla newsletter. Traffic Academy nasce proprio con questo scopo: fornirti delle strategie concrete per portare traffico verso il tuo sito web o blog.

  1. Email Marketing efficace: come creare una strategia vincente

Terzo contenuto che ti consiglio, questa guida che ti mostra come strutturare una campagna di  email marketing. Dalla definizione degli obiettivi, passando per le fasi di lead capturing e lead nurturing, fino alla conversione, puoi vedere come creare passo passo la tua campagna.

E’ tutto. Non mi resta che invitarti a guardare anche le altre sezioni di Marketers Media.

Buono studio!