HomeWeb marketingContent MarketingCreare quiz online: la guida completa per raccogliere informazioni sui tuoi utenti

Creare quiz online: la guida completa per raccogliere informazioni sui tuoi utenti

In questo post scopriamo come scoprire più dettagli riguardo la tua target audience attraverso test, quiz e sondaggi online.

Creare quiz online: la guida completa per raccogliere informazioni sui tuoi utenti

Creare quiz online è un’arma che parecchi marketers sottovalutano.

In realtà è la soluzione migliore a uno dei problemi principali che in moltissimi hanno: ottenere informazioni sui propri potenziali clienti.

Tutto quello che ti serve è:

  • domande da fare,
  • risposte da ottenere,
  • una strategia per interagire con il pubblico.

In questo post andremo a vedere, passo-dopo-passo, come creare un sondaggio online perfetto:

  • Quanti tipi di quiz esistono? Quale dovresti scegliere?
  • Quali sono i migliori tool che puoi usare?
  • Come puoi ottenere tantissime risposte?

Sei pronto?

Partiamo.

Creare un quiz online: 4 passi che devi seguire per un sondaggio perfetto

Esistono principalmente 3 tipologie di test:

  • Polls.
  • Survey.
  • Quiz.

Quali sono le differenze tra polls, survey e quiz?

I polls sono ideali per ricevere risposte precise a una domanda specifica. Puoi usarli, per esempio, per comprendere l’opinione dei tuoi utenti riguardo un determinato tema.

I survey sono più interattivi dei polls – danno la possibilità agli utenti di scrivere le proprie risposte. Per questo motivo sono molto più utili nel caso in cui ti servissero dati più dettagliati (dubbi, paure, obiettivi…).

I quiz, molto simili ai survey, ti permettono di trasformare un survey in un gioco. L’obiettivo rimane lo stesso, ma cambia la modalità: Internet è pieno di esempi, come i tanti quiz sulla personalità.

1. Scegli un tool per quiz online

In base alla tipologia di test che andrai a scegliere hai a disposizione diversi tool:

1. YOP Poll.

YOP Poll è un plugin WordPress che ti permette di inserire polls sulle pagine del tuo sito web oppure in un articolo del tuo blog.

Tutto quello di cui hai bisogno è proprio un sito con WordPress installato. Nel caso in cui non ne avessi uno c’è un’altra soluzione.

2. EasyPolls.

EasyPolls è un servizio online per creare polls da condividere tramite un apposito link oppure da integrare in una pagina web.

Una volta che ti sarai registrato puoi personalizzare il sondaggio come credi. Se scegli di acquistare un account Premium avrai:

  • filtraggio degli indirizzi IP
  • Location tracking
  • sondaggi senza pubblicità.

3. SurveyMonkey.

SurveyMonkey ti dà la possibilità di creare questionari online. Hai a disposizione un builder molto intuitivo con il quale costruire il tuo sondaggio, quiz o test.

La versione gratuita è limitata a 10 domande e 100 risposte al mese per indagine. I piani premium vanno dai €39 al mese per quello standard ai €99 di quello premier.

4. Typeform.

Typeform è la principale alternativa a SurveyMonkey. Le funzioni principali sono simili: Typeform offre qualche opzione di risposta in più e, secondo alcuni, ha una grafica migliore.

Anche in questo caso il piano gratuito offre 100 risposte al mese e 10 domande per sondaggio. I piani premium sono due: uno da €25 al mese, l’altro da €59.

2. Scegli il titolo del tuo test

Possiamo impostare il nostro quiz online in vari modi. Per esempio:

  • Quiz della personalità.
  • Test sulle conoscenze.

80% degli utenti online decide se qualcosa vale o meno la loro attenzione in base al titolo.

Devi trovarne uno che, allo stesso tempo, sia chiaro e attiri le persone.

Ricorda che il tuo obiettivo deve essere avere quante più risposte possibili, ma comunque da persone che siano utili al tuo business.

Perciò evita titoli click-bait o troppo fuorvianti.

Qualche esempio di titolo da cui puoi partire sono questi:

  • Quanto ne sai davvero di digital marketing?
  • Quale (attore/supereroe/ecc.) sei?
  • Che celebrità di Hollywood sei?

3. Decidere domande e risposte

Una volta che avrai scelto la finalità del tuo quiz, la tipologia e il titolo da usare puoi passare a costruire la parte principale:

  • Domande
  • Risposte.

C’è qualcosa che devi sapere subito.

Chiedi solo informazioni che ti saranno utili. Ogni domanda in più è un passo lontano dal completare il tuo quiz.

Ora, stai attento, andiamo a vedere come puoi impostare le risposte:

(Per questi esempi è stato usato Typeform).

1. Sì/No.

 

2. Scelta multipla.

3. Risposte scritte.

4. Valutazione.

5. Scelta da una lista.

6. Scelta di un immagine.

Bonus. Come scrivere domande e risposte: 3 principi che devi aver presente.

1. Punta alla semplicità.

  • Le domande devono essere semplici e chiari.
  • Non scrivere frasi lunghe e complesse: la lunghezza massima di ciascuna frase dovrebbe essere di 20 parole.
  • Domande e risposte non devono superare una riga di lunghezza.

2. Evita la confusione.

  • Cerca di usare poche frasi negative: “Quali delle seguenti NON è una definizione di landing page?” crea più confusione di “Quali delle seguenti è una definizione di landing page?”.
  • Quando decidi di usare una frase negativa – per esempio, per testare l’attenzione del tuo pubblico – rendi la negazione chiara (usa il grassetto, il maiuscolo…).
  • Inizia le domande con le parole “cosa”, “quanto”, “quando”, “come” e “perché”.
  • Mantieni la stessa lunghezza per risposte corrette e risposte sbagliate. Non dare indizi che condizionino gli utenti.

3. Aumenta la precisione.

  • Non usare, né nelle domande né nelle risposte, parole come “approssimativamente”, “almeno”, “circa”.
  • Evita di ripetere spesso opzioni come “nessuna delle risposte” oppure, al contrario, “tutte le altre risposte”.
  • Assicurati che le risposte corrette siano decisamente corrette e quelle sbagliate decisamente sbagliate. Evita ambiguità di linguaggio.

4. Fai girare il tuo questionario online

Una volta che hai finito di preparato il quiz online devi diffonderlo.

Ti servirà una piattaforma che permetta di raggiungere quante più persone in target possibili:

  • Facebook,
  • Instagram,
  • una newsletter.

Fermati a pensare.

La target audience è l’insieme delle persone che, potenzialmente, potrebbero essere interessate a ciò che hai da offrire.

Ciascun pubblico ha abitudini diverse: ragazzi tra i 16 e 21 anni saranno più su Instagram, mentre professionisti tra 35 e i 50 anni useranno di più la mail.

Considera questo e altri elementi per decidere dove distribuire il tuo test online.

Per massimizzare la diffusione continua a leggere:

1. Fai un “regalo”.

Il lead magnet è un contenuto gratuito che per chi si occupa di email marketing è utile per aumentare le iscrizioni a una newsletter.

Puoi applicare lo stesso principio: regala un contenuto di valore in cambio del completamento del quiz.

Esistono diversi esempi di lead magnet:

  • ebook su un argomento,
  • un piccolo video-corso,
  • un tool da usare subito.

2. Metti il turbo con le ads.

Fare Facebook Ads per raggiungere un pubblico specifico può migliorare a dismisura le performance di un sondaggio online.

  • Raggiungi molte più persone.
  • Riesci a raggiungere persone in target.
  • Puoi testare varianti del sondaggio più velocemente.

Lo stesso discorso, ovviamente, vale per i servizi di advertising di Google e Instagram.

3. Crea risultati condivisibili.

Hai presente quelle immagini che spesso vedi sui social? Ecco, le persone che condividono i risultati dei loro quiz sono una grandissima fonte di visitatori.

Per questo motivo, specialmente per determinati tipi di test, è importante:

  • usare immagini divertenti, di qualità, che suscitino emozioni;
  • inserire una call-to-action alla fine del sondaggio.

Per esempio, se crei un quiz dal titolo “Che personaggio Marvel sei?”, puoi invitare gli utenti a condividere un fotomontaggio dove indossano il costume del loro supereroe.