HomeNewsCome usare i MEME per attirare più attenzione online con i post
  • News
  • 04 Feb 2019 (Aggiornamento)

Come usare i MEME per attirare più attenzione online con i post

Se apri Facebook o Instagram sul tuo dispositivo mobile e scorri il feed, è quasi sicuro che tra i…

Come usare i MEME per attirare più attenzione online con i post

Se apri Facebook o Instagram sul tuo dispositivo mobile e scorri il feed, è quasi sicuro che tra i primi post che vedi ce n’è uno con un MEME. I meme sono diventati estremamente popolari sui social media perché sono facilmente condivisibili, generano engagement e, in alcuni casi, diventano virali. I marketers e i brand lo sanno e li usano sempre di più nella loro strategia per campagne di marketing digitale.

Ecco 5 utili Tips per attirare attenzione sui social media con i MEME

I MEME ti permettono di catturare il tuo pubblico target senza forzare l’annuncio

Diciamoci la verità! Gli utenti diventano ogni giorno più consapevoli e sanno riconoscere un annuncio. Per questo se non è perfettamente in target verrà ignorato, specie se promuove offerte. I MEME, però, permettono un approccio più confidenziale, sono divertenti e amplificano il livello di cattura dell’attenzione dell’annuncio.  La conferma di quest’assunto arriva dai più capaci. Una delle prime cose che Facebook ha introdotto sulla sua piattaforma sono stati proprio i MEME, spesso usati senza testo dagli utenti per commentare i post.

I Meme possono aiutare i Brand più comuni e anonimi ad essere più eccitanti sui social media.

Il Ketchup è un condimento molto popolare anche in Italia, ma nessuno si sognerebbe di condividere un post con una bottiglia di ketchup con una call-to-action per far risparmiare 50 centesimi sul prossimo acquisto. Un’azione di marketing di questo tipo non ha alcuna possibilità di successo. Ma Heinz, per fare branding delle sue salse industriali più conosciute nel mondo, ha lanciato una campagna sui social con la quale ha invitato gli utenti a creare MEME originali con i suoi prodotti al di fuori dei topic frutta, verdura, panini ecc e pubblicarli sotto un unico hastag. Il risultato sono stati 4 milioni di contenuti pubblicati su Instagram e Facebook.

Il marketing centrato sul MEME è molto popolare.

Memes.com vanta oltre 16 milioni di follower su Facebook e Instagram, e il loro Bot Facebook Messenger è al primo posto in termini di intrattenimento con oltre 600.000 persone che richiedono e caricano i MEME su base giornaliera.

Evita l’overdose di MEME nei post di annunci pubblicitari

Se è vero che i MEME funzionano per catturare l’attenzione degli utenti è anche vero che bisogna evitarne l’overdose. La regola è: devi essere riconoscibile, non stressare l’utente. Il target di riferimento dei MEME sono chiaramente le generazioni più esperte di Internet, i Millennials e i Gen Z. Ma in genere il segreto per l’utilizzo dei MEME è quello di trovare un modo di essere cool, senza che il pubblico pensi che stai cercando di essere cool.

Stai attento al tempismo e usa MEME attuali

L’ultimo aspetto di cui tener conto è il tempismo. A volte i MEME diventano virali ma come tutti i fenomeni virali, per ottenere risultati, devi essere capace di cavalcare l’onda. Inoltre, i MEME funzionano se sono di tendenza. Se usi vecchi MEME che sono stati già tanto visti, hanno fatto il loro corso ed esaurito l’attenzione del pubblico, anche il tuo post o il post del brand che lo utilizza apparirà fuori contesto ed essere percepito come negativo.