Seleziona una pagina

In questa guida imparerai a indicizzare correttamente un sito web su Google in maniera semplice e veloce, in modo da farlo apparire tra i risultati del motore di ricerca.

Il primo incontro tra un nuovo sito web o un blog e il motore di ricerca è l’indicizzazione.

Vuoi che il tuo sito appaia tra i risultati di ricerca su Google.

In che modo?

Come vedremo in questa guida, indicizzare un sito web è molto più semplice di quanto si possa immaginare.

Diciamo fin da subito una verità che andrebbe ricordata sempre: Google indicizza i siti web praticamente da solo, in maniera automatica!

O meglio, questo è quello che accade quando imposti correttamente il tuo sito web.

L’unica cosa di cui ti devi preoccupare è di rendere accessibile il tuo sito al motore di ricerca, il che significa:

fai in modo che il motore di ricerca possa scansionare il tuo sito, analizzare il contenuto delle pagine e inserirlo tra i risultati nel motore di ricerca.

In questa guida voglio mostrarti come eseguire correttamente questo processo di indicizzazione per rendere visibile il tuo sito nel minor tempo possibile.

Cosa significa indicizzare un sito web?

La prima cosa da fare per indicizzare un nuovo sito web è capire esattamente cosa si intende per “indicizzazione”.

L’esperienza mi insegna che questo termine viene spesso frainteso.

L’errore più comune è confondere l’“indicizzazione” con il “posizionamento”.

Sono due cose correlate, ma completamente diverse!

Con indicizzazione sui motori di ricerca si intende “il rendere visibile un sito web o un blog tra i risultati che restituisce un motore di ricerca (indipendentemente dalla posizione)”.

Con posizionamento, invece, si intendono “tutte quelle tecniche mirate a far un sito web nella posizione migliore possibile tra i risultati per determinate parole chiave”.

L’indicizzazione è la base (senza quella non si può posizionare alcunché), il posizionamento viene dopo e riguarda l’abilità di far salire il proprio sito o una pagina tra le prima posizioni su Google o altri motori di ricerca.

Ci occupiamo dunque subito di indicizzazione e poi, nell'ultima parte di questa guida, ti indicherò qualche consiglio per iniziare a lavorare sul posizionamento e su come portare traffico verso il tuo sito.

Le 2 cose da fare per indicizzare un sito web in 24 ore

indicizzare sun sito su search console

Entriamo subito nel cuore della questione.

Per velocizzare l’indicizzazione di un sito web da parte di Google ti basta eseguire questi due passaggi:

  1. Assicurati che il tuo sito sia accessibile ai motori di ricerca
  1. Imposta il tuo sito sulla Search Console

Il punto numero 1 potrebbe non richiedere nessun intervento. Se hai creato il tuo sito web senza smanettare con le impostazioni, non dovresti avere problemi.

N.B. Abbiamo visto come impostare correttamente la visibilità di un sito WordPress in questa Guida su come creare un blog, utile anche per chi ha già il proprio blog e vuole verificare gli step di setup.

Per verificare se il tuo sito è accessibile ai motori di ricerca devi accedere al file Robots.txt e controllare che le impostazioni siano corrette.

Procedi così:

Digita nella barra degli indirizzi l’url del tuo sito seguito da Robots.txt, come in questo esempio:

www.nomesito.it/robots.txt

In questo modo ti apparirà il contenuto del file.

Normalmente dovrebbe appare un codice di questo tipo:

User-agent: *
Disallow: /wp-admin/

Se è così, non hai alcun problema e puoi passare al punto 2 relativo a Search Console.

Se invece il file Robots.txt ti restituisce un codice di questo tipo

User-agent: *
Disallow: /

significa che il tuo sito è bloccato e devi intervenire.

Se ti trovi in questa situazione, segui le indicazioni che trovi più avanti in questa guida nel capitolo “Come risolvere il blocco dell’indicizzazione provocato dal Robots.txt”.

Indicizzare un sito tramite Google Search Console: i passaggi da seguire

Questa è la fase di indicizzazione vera e propria.

Vediamo quali sono i passaggi da seguire.

Prima di cominciare, prendi in considerazione questo suggerimento:

Verifica che il contenuto delle pagine che vuoi indicizzare sia originale.

Quando Google visiterà il tuo sito per procedere con l’indicizzazione la presenza di contenuti già pubblicati su altri siti web potrebbe bloccare il processo. Google vuole offrire qualità agli utenti che effettuano ricerche e tende a bloccare i contenuti duplicati.

N.B. Un contenuto viene considerato duplicato se contiene più del 30% di testo copiato, ma l’ideale è far scendere questa percentuale a 0.

A questo punto sfrutta la Search Console di Google per segnalare il sito.

La Google Search Console è un tool gratuito che offre risorse per i webmaster e la possibilità di  monitorare il rendimento di un sito nelle ricerche.

Puoi accedere alla Search Console da qui: https://www.google.com/webmasters/tools/home?hl=IT

N.B. Se non hai ancora verificato il tuo sito su Search Console e non sai come fare, qui trovi tutte le indicazioni: Google Search Console: guida base all’ottimizzazione SEO.

Prossimo passaggio: inviare la Sitemap a Google.

  • Vai su Scansione -> Sitemap e clicca su AGGIUNGI/TESTA SITEMAP
  • Inserisci l'url della tua sitemap (che può essere diverso da quello che vedi nell'immagine.).
  • Clicca su Invia.

inviare sitemap a google

Et voilà, il gioco è fatto. Hai inviato la sitemap a Google.

N.B. Cos'è la sitemap? Non altro che un indice dei contenuti del tuo sito che serve per facilitare la comprensione dei contenuti stessi da parte del motore di ricerca.

Non hai una sitemap sul tuo sito?

Se usi WordPress, puoi crearla con il plugin Yoast SEO. Vai su Sitemap XML e genera la sitemap del tuo sito.

In alternativa, puoi creare la tua sitemap su questo sito: https://www.xml-sitemaps.com/ e inserirla manualmente tramite FTP nella root del tuo dominio.

Dopo aver inviato la Sitemap, invia le pagine del tuo sito a Google per l’indicizzazione.

Procedi così:

Sulla Search Console nella barra laterale sinistra vai su Scansione -> Visualizza come Google e ti apparirà una pagina simile a questa:

search console visualizza come google

Qui aggiungi sia le singole pagine che vuoi indicizzare, sia – e soprattutto – la tua home page (lasciando il campo dell’url vuoto).

Facendo clic su RECUPERA E VISUALIZZA, dopo il caricamento, e poi sull'url inviato (nel caso della home page il simbolo “/”) potrai vedere il risultato dello scan da parte di Google.

Per terminare il processo di invio per l’indicizzazione, clicca su “Richiesta di indicizzazione”.

Flagga la voce “Non sono un robot” e seleziona la voce “Esegui la scansione di questo URL e dei relativi link diretti”.

Due consigli:

  1. Invia a Google prima la tua home page (lasciando il campo url vuoto) e tra le opzioni seleziona “Esegui la scansione di questo URL e dei relativi link diretti”.
  2. A seguire ripeti la stessa operazione con le pagine principali del tuo sito, questa volta selezionando la voce “Esegui la scansione solo di questo URL”.

Indicizzazione eseguita correttamente!

Il tuo Robots.txt non blocca il sito, hai inviato la sitemap e segnalato le tue pagine a Google. Non ti resta che aspettare 24/48 ore e il tuo sito sarà indicizzato correttamente da Google!

Come verificare se un sito è indicizzato su Google?

Adesso non ti resta che verificare se il tuo sito è stato indicizzato correttamente da Google.

Esiste un metodo semplice e veloce per fare la verifica.

Vai su Google e nella barra di ricerca digita il comando “site:” seguito dall'url del tuo sito, come in questo esempio:

site:marketers.media

come verificare l'indicizzazione di un sito

Se vedi il tuo sito tra i risultati, l’indicizzazione è avvenuta con successo.

Inoltre, adesso che hai impostato la Search Console inizierai a ricevere dati sulla Search Console stessa. Questo è un altro segnale che l'indicizzazione è avvenuta correttamente.

Come funziona l’indicizzazione di un sito web?

come funziona indicizzazione googleHo inserito questo capitolo di approfondimento dopo la parte “operativa”. In realtà si dovrebbe comprendere bene cosa si sta facendo prima di farlo.

Abbiamo detto che indicizzare un sito significa far si che appaia tra i risultati che restituisce il motore di ricerca….

Ma cos'è esattamente l’indicizzazione? Come funziona l’“indicizzare” da un punto di vista tecnico?

Immagina una grande biblioteca dove ogni giorno migliaia di persone portano nuovi libri.

Il bibliotecario vuole sui suoi scaffali soli libri di qualità verificati e quindi, ogni volta che arriva una nuova proposta, la legge e valuta se inserirlo o meno nella sua biblioteca.

Con i motori di ricerca (Google in questo caso) è lo stesso.

Attraverso uno spider (o crawler), un programma automatico in grado di scandagliare tutti i dati e le risorse del web, Google individua i siti web presenti in rete e i relativi contenuti.

Google, attraverso il suo crawler chiamato “Googlebot”, analizza approfonditamente il sito e i relativi contenuti col fine di comprenderne la qualità, i dati raccolti vengono inviati all'indice del motore di ricerca (indicizzazione) e organizzati (posizionamento) in base a delle parole chiave (keyword) e un peso (rank) relativo al loro valore.

Il risultato di questo processo è la SERP di Google per come la vediamo ogni giorno quando effettuiamo una ricerca.

Altre tecniche di indicizzazione: invio url e backlink, Bing e Yahoo

Oltre alla procedura analizzata sopra, esistono altre tecniche per indicizzare un sito web.

La prima e la più semplice si riferisce all'utilizzo del box che troviamo in questa pagina dedicata.

Ogni motore di ricerca (Google, Bing, ecc.) ha la sua pagina per inviare la richiesta di indicizzazione.

Ecco i link:

Richiesta indicizzazione Google: https://www.google.com/webmasters/tools/submit-url?continue=/addurl

Richiesta indicizzazzione Bing/Yahoo: http://www.bing.com/toolbox/submit-site-url

Devi solo inserire l’url del tuo sito e inviare la richiesta.

Una seconda opzione è l’utilizzo dei link.

Lo spider di Google sfrutta i link per esplorare il web e navigare da un contenuto a un altro.

Se il tuo sito riceve un link da un altro sito, allora è probabile che Google si “accorga” della sua presenza e proceda all'indicizzazione.

La terza opzione riguarda la condivisione sui social network.

Qui vale la stessa logica dei link.

Se condividi il tuo sito sui social aprirai un “canale” in ingresso che favorirà la scansione del tuo sito da parte del motore di ricerca.

In particolare, impostando i vari acccount su Facebook, Instagram, Twitter, ecc., potrai sfruttare la possibilità di inserire il link al tuo sito web tra le informazioni del profilo e manderai un segnale “social” a Google.

Come risolvere il blocco dell’indicizzazione provocato dal Robots.txt

Facciamo un piccolo passo indietro.

All'inizio di questa guida avevamo individuato i due passaggi fondamentali per indicizzare un sito.

Il primo riguarda la verifica del file robots.txt che, se non correttamente configurato, blocca l’accesso sul sito al motore di ricerca.

Quando il file Robots.txt blocca il sito contiene un codice di questo tipo:

User-agent: *
Disallow: /

Come già starai pensando, per eliminare il blocco devi modificare questo file.

Se usi WordPress, ti basta andare su Yoast SEO alla voce “Strumenti” e quindi su “Modifica file”.

Adesso modifica il Robots.txt sostituendo quello che trovi con:

User-agent: *

Disallow: /wp-admin/

Se non usi WordPress o vuoi svolgere la modifica manualmente, devi accedere alla cartelle del tuo sito tramite FTP, aprire il file Robots.txt e modificarlo come un normale testo.

Per fare questo io uso Filezilla, un software che mi permette di collegarmi al server sul quale è ospitato il mio sito e modificare i singoli file.

Dopo aver scaricato il programma, inserisci i dati per accedere (che ti sono stati inviati via email quando hai acquistato il server), accedi alla cartella principale del tuo sito e individua il file Robots.txt.

Scaricalo, aprilo con il blocco note, modificalo inserendo la dicitura corretta e ricaricalo tramite Filezilla sovrascrivendo il vecchio file.

Dopo l’indicizzazione, il posizionamento: come portare traffico al tuo sito web!

come posizionare un sito web

Il passo successivo all'indicizzazione è il posizionamento.

Devi posizionare le pagine del tuo sito per determinate parole chiave per ottenere traffico.

Insomma, devi iniziare a fare un po’ di SEO 🙂

Ti consiglio di iniziare con qualcosa di semplice e che puoi mettere in pratica subito.

Hai visto Traffic Academy?

Si tratta di un corso in video lezioni pratiche per portare traffico e visitatori al tuo Blog o Sito Web.

Per accedere alle video lezioni gratuite clicca su questo link: https://thetraffic.academy/benvenuto

Potrai fare una bella scorpacciata di SEO e traffico, casi reali e strategie concrete che puoi applicare al tuo sito.

E non dimenticare di dare un'occhiata alle varie sezioni qui su Marketers, dove trovi guide e consigli per sviluppare il tuo sito e il tuo business online.

 

Emanuele Amodeo

Web Marketer e consulente, da sempre curioso e poi studioso di Internet, creo, sviluppo e gestisco business online e aiuto imprese e professionisti a fare lo stesso. Per costruire idee e i progetti amo intrecciare ambiti e competenze non convenzionali (filosofia, psicologia, sociologia, estetica, neuroscienze) con il marketing.

Share This