HomeNewsJohn Mueller spiega come Google trova i siti senza backlink

John Mueller spiega come Google trova i siti senza backlink

Come fa Google a scoprire siti senza backlink? John Mueller risponde alla domanda di un utente su Reddit!

John Mueller spiega come Google trova i siti senza backlink

Quick links

John Mueller ha risposto alla domanda di un utente su Reddit su come Googlebot riesca a trovare un sito, se questo non possiede backlink e non è stato aggiunto a Search Console.

Il Webmaster Trends Analyst di Google, che conoscerai bene se ti occupi di SEO, ha fornito una sua spiegazione al riguardo.

Mueller si limita a fare alcune ipotesi, in quanto tale domanda non ha una risposta ben precisa e universalmente valida.

Un sito senza backlink può comunque essere scoperto da Google se:

  • Terze parti tracciano la registrazione del dominio (con rispettivo link).
  • Sono stati creati backlink accidentali per via di errori di battitura nell’URL.
  • Le persone usano toolbar con dei link al contenuto.
  • Il CMS utilizzato ha generato una sitemap o un RSS/Atom feed.

Se sei interessato al mondo SEO ma non sai da dove partire, ti consiglio di leggere la guida introduttiva alla SEO di Marketers.

E se non vogliamo farci trovare da Google?

In aggiunta, Mueller ha precisato che anche se il nostro sito web non viene promosso, non dovremmo dare per scontato che Google non lo indicizzerà.

Anzi, se per diversi motivi vogliamo che un sito non venga trovato, dovremmo ricorrere al tag noindex.

Se vuoi lanciare un nuovo progetto con un botto (supponendo che è quanto tu voglia fare con un dominio nuovo e sconosciuto), un’idea potrebbe essere utilizzare il site removal tool per nascondere il sito nella ricerca e poi cancellare quella richiesta quando vuoi pubblicarlo – ciò permette a Google di analizzare e indicizzare il contenuto in anticipo, senza mostrarlo nella ricerca“.

Il metodo appena descritto è più veloce rispetto all’utilizzo del no index, ma non vi è alcuna garanzia che il sito non possa venir trovato da altri motori di ricerca.

Per concludere, ti consiglio di recuperare il mio articolo su Performance Web e SEO dal punto di vista del Googlebot.