HomeWeb marketingContent MarketingScrivere un articolo di cronaca: tutto quello che devi sapere (con esempi)

Scrivere un articolo di cronaca: tutto quello che devi sapere (con esempi)

In questa guida vediamo come scrivere un articolo di cronaca: dalla scelta del titolo a come scrivere introduzione e conclusione.

Scrivere un articolo di cronaca: tutto quello che devi sapere (con esempi)

Quick links

Come scrivere un articolo di cronaca?

In questo post troverai una guida completa per prepararne uno senza errori. Imparerai:

  • Come organizzare le informazioni che vuoi dare
  • In che modo puoi scegliere il titolo migliore per il tuo pezzo
  • Qual è la struttura che ti permette di sapere come iniziare l’articolo
  • Come puoi concludere un articolo di giornale
  • Quali sono le cose da sapere sullo stile giornalistico.

Prima di cominciare voglio dirti una cosa.

Chi per la prima volta prova a scrivere un articolo giornalistico commette errori comuni dovuti all’inesperienza.

Per esempio, ignora come funzioni la struttura della piramide invertita oppure non sa bene a cosa servano le 5 w.

Vuoi esempi, regole e consigli per imparare quello che è necessario per non sbagliare?

Inizia a leggere.

Cosa è la cronaca?

La cronaca è una tra le attività principali di un giornale.

Si tratta del racconto in ordine cronologico di un fatto rilevante per i lettori del quotidiano.

I fatti di cronaca, di solito, sono divisi nelle varie sezioni del giornale:

  • attualità
  • politica
  • esteri
  • sport
  • spettacolo.

All’interno dell’attività di cronaca esistono delle differenze:

  • la cronaca nera è il racconto di fatti violenti, come omicidi e rapine
  • i temi della cronaca rosa sono più leggeri (per esempio, matrimoni o fidanzamenti)
  • cronaca bianca si riferisce alla comunicazione di eventi in programma, aperture e via dicendo.

I giornalisti, a partire dalla cronaca nuda e cruda, possono lavorare a interviste, reportage o inchieste (anche di data journalism).

Diciamo che la cronaca è il punto di partenza di un lavoro di approfondimento.

L’obiettivo finale è quello di dare ai lettori un quadro completo per permettere loro di farsi un’idea riguardo un determinato fatto.

Come scrivere un articolo di cronaca

Le 5-W di un articolo di cronaca

  • Who
  • What
  • When
  • Where
  • Why.

La “regola delle 5 w” non è una vera e propria legge da rispettare, ma è sicuramente la guida del buon giornalista.

Quando si raccolgono le informazioni necessarie per scrivere un articolo giornalistico è bene tenere a mente queste 5 domande.

  1. Chi è il protagonista del fatto di cronaca?
  2. Cosa è successo di rilevante?
  3. Quando è successo?
  4. Dove è successo?
  5. Perché è successo? Cosa l’ha causato?

Organizzare le notizie disponibili riguardo un determinato fatto in questo modo permette di avere le idee chiare in fase di scrittura.

Inoltre, come vedremo più avanti, quest’impostazione è fondamentale per iniziare l’articolo in modo corretto.

Il titolo

Quando vuoi scrivere un articolo di giornale devi aver presente che il titolo è una parte integrante del pezzo.

Un ottimo articolo con un pessimo titolo sarà letto da pochissime persone.

Nei quotidiani esiste spesso la figura del titolista, che si occupa di dare i titoli ai pezzi scritti da altri giornalisti.

Tuttavia, nel caso in cui dovessi occupartene tu, è importante sapere cosa devi fare per titolare un articolo giornalistico.

Per prima cosa chiediti dove comparirà l’articolo: su un giornale cartaceo oppure online?

Il medium può fare la differenza, anche se alcune caratteristiche sono “universali”:

  • essenzialità
  • immediatezza
  • completezza.

Il titolo deve essere efficace, cioè deve comunicare il contenuto dell’articolo spingendo il lettore ad approfondire.

Immaginalo come la prima frase del tuo pezzo: deve invogliare a saperne di più.

Su un giornale tradizionale i titoli sono caratterizzati dallo stile nominale: poche forme verbali, più nomi.

Un esempio?

esempio titolo giornale

Un titolo per un articolo online ha meno limitazioni dal punto di vista della lunghezza.

L’importante è rimanere nelle 60 battute ottimali per Google – ma, in linea di massima, un titolo breve è spesso più incisivo.

La struttura di un articolo di cronaca: la piramide rovesciata

[Immagine piramide rovesciata]

Quando un lettore apre il tuo articolo, secondo recenti studi, impiega pochi secondi per decidere se continuare a leggere.

Per convincerlo devi dargli subito degli elementi in grado di attirare l’attenzione.

Lo schema della piramide invertita (o rovesciata) è una buona idea per strutturare le informazioni in modo accattivante.

Cosa devi fare in pratica?

  • All’inizio, in quello che si chiama “attacco”, inserisci le informazioni essenziali (chi, cosa, quando, dove, perché).
  • Nel corpo dell’articolo approfondisci, argomenta e fornisci più punti di vista al lettore.
  • Nella conclusione inserisci ulteriori dettagli e, magari, prospetta i prossimi sviluppi di quel fatto.

Lo stile di un articolo di cronaca

Per scrivere un articolo di cronaca eccellente devi avere questi 4 principi ben stampati in mente:

  • Imparzialità
  • Brevità
  • Chiarezza
  • Accuratezza.

Sono la base del giornalismo, tanto più se parliamo di cronaca.

Prima di tutto, quando stai facendo cronaca, devi essere quanto più imparziale possibile: il tuo punto di vista sulla vicenda non deve trasparire.

Anzi, un consiglio per rendere il tuo articolo più equilibrato è accogliere al suo interno diversi punti di vista.

Come?

Puoi intervistare i protagonisti del fatto oppure avvalerti di fonti che hanno una visione diversa.

L’importante è riuscire a fornire una sintesi efficace ai lettori: brevità non significa incompletezza.

Devi riuscire a raccontare quanto serve per farsi un’idea dell’avvenimento, senza lasciare domande in sospeso.

L’ideale è racchiudere ogni pezzo di notizia in un paragrafo di poche righe. Se scrivi per il web, puoi evidenziare la divisione tra paragrafi con spazi bianchi.

In ogni caso, sia online che sul cartaceo, è fondamentale la chiarezza: scegli un linguaggio semplice da capire e una sintassi scorrevole.

In sintesi,

  • frasi brevi,
  • poche subordinate,
  • parole semplici.

Ricorda che scrivere bene significa usare parole comuni per creare immagini d’impatto. Non servono i paroloni.

Alla base di tutto, ovviamente, c’è l’accuratezza: un nome sbagliato o una cifra errata può minare la tua credibilità.

Riportare notizie sbagliate, inoltre, ti espone a rischi legali: una notizia falsa può procurarti una querela per diffamazione a mezzo stampa.

Ecco perché, dopo aver scritto il tuo pezzo, è bene ricontrollare varie volte sia la forma che la sostanza.

Se non sei sicuro di qualcosa che hai scritto, fai ulteriori indagini: senti di nuovo le fonti, rileggi i documenti, prova a cercare nuove informazioni.

Come concludere l’articolo

Esistono diversi modi per chiudere un articolo di giornale: tanto dipende anche dal proprio stile personale.

Trovare un finale può essere complicato, ma una volta che avrai capito cosa funziona meglio per te tutto diventa più semplice.

Cosa puoi fare?

  • Fare un breve punto della situazione, riassumendo quello che hai detto nel pezzo.
  • Prospettare delle possibilità riguardo gli sviluppi di quell’evento di cronaca.
  • Riportare delle dichiarazioni di uno dei protagonisti della vicenda
  • Collegare altri fatti (o dichiarazioni) a quelli appena riportati.

Ecco qualche esempio:

conclusione articolo giornalistico

Conclusioni

Ci siamo.

Abbiamo finito, ma che ne dici di ricapitolare quello che ci siamo appena detti?

  • La cronaca consiste nel raccontare eventi rilevanti in ordine cronologico. Esistono diversi tipi di cronaca: nera, rosa, bianca, sportiva.
  • Per scrivere un articolo di cronaca applica la struttura della piramide rovesciata, inserendo le informazioni essenziali (chi, cosa, quando, dove, perché) già nell’attacco.
  • Lo stile giornalistico è caratterizzato da 4 principi: imparzialità, brevità, chiarezza, accuratezza. Ricordalo sempre.

Tutto chiaro?

Fammi sapere nei commenti se hai applicato questi consigli per scrivere un articolo 🙂