In questo case study analizzeremo una strategia tanto alternativa quanto specifica che ha permesso di realizzare un fatturato da capogiro in poco, pochissimo tempo.

Nuovo case study estratto dalla community di Marketers e pubblicato su Marketers.Media. In questo approfondimento analizzeremo una strategia legata al dropshipping che ha permesso di fatturare davvero una gran bella cifra.

Il study pubblicato sulla gruppo Dario Vignali | Marketers, Fabrizio Giornet ci propone una strategia diversa dalla formula Dropshipping + Facebook Ads che gli ha permesso di generare ben € 13.000 in una giornata attraverso il suo e-commerce.

Una strategia davvero utile per chi è agli inizi ed anche per i veterani più esperti.

Vediamo come ci è riuscito.

Case Study Dropshipping: come generare 13K senza usare Facebook Ads.

Ciao Marketers!

In questo gruppo ho trovato spesso spunti molto interessanti, quindi ritengo doveroso ricambiare con una bella case history.

Perchè dovrebbe interessarti? Su questo store abbiamo deciso di non utilizzare FaceBook ads (o altri social). Nella nuova generazione di marketers, sento parlare quasi esclusivamente di FaceBook ads.

Io ho la fortuna di essere un po' più vecchio (uno dei pochi vantaggi della vecchiaia ).

Ho iniziato col dropshipping nel 2006, quando Facebook praticamente non c'era ed il canale principale di vendita era eBay.

Conosciamo tutti le potenzialità di Facebook, ma troppo spesso vedo sottovalutare tutti gli altri canali.

Nello specifico, in questa giornata, il fatturato generato è cosi suddiviso:

  • Comparatori (48%)
  • AdWords (34%)
  • Email mktg (18%)

Se fai e-commerce, hai davvero tante opportunità per guadagnare!💰

Prova a riflettere: tipicamente, un dropshipper “medio” cerca i prodotti trend/best-seller su Aliexpress, eBay, Amazon e simili, poi li carica sul suo store ed inizia a lanciare campagne su FaceBook.

Ma sai bene che la pubblicità FB è di fatto interruption marketing, fa leva sulla domanda latente.

Ok, sei un drago su FB ads, trovi il target giusto ed inizi a creare le audience che poi serviranno per i LAL, ma ragionando fuori dai tecnicismi, più “terra terra” come piace a noi, ti sei mai chiesto cosa fanno le persone interessate a quel prodotto, che non possono acquistarlo in quel preciso momento (magari sono in metro o al lavoro, etc)?

Nota bene: stiamo parlando dei prodotti best-seller/trend, sponsorizzati allo stesso tempo da migliaia di concorrenti.

Beh, vuoi sapere cosa fanno?

Qui accade la “magia”.

Grazie a tutti i miei soci inconsapevoli, la domanda latente si trasforma in domanda consapevole.

Bingo!

Cosa fa una persona quando cerca uno specifico prodotto?

Usa google, trovaprezzi, shopzilla, shopalike e qui ci facciamo trovare noi!🤑 (ok, ora anche te, ma c'è spazio per tutti)). Un buon imprenditore non dovrebbe mai affidare il futuro della sua azienda ad una unica fonte di traffico.

Un caro saluto a tutti.

Shop & Roll🤘

 

Sei interessato al mondo del Dropshipping? Leggi anche: 

Come costruire uno store shopify da $35,842.49 (in 5 step pratici)

 

Emanuele Amodeo

Web Marketer e consulente, da sempre curioso e poi studioso di Internet, creo, sviluppo e gestisco business online e aiuto imprese e professionisti a fare lo stesso. Per costruire idee e i progetti amo intrecciare ambiti e competenze non convenzionali (filosofia, psicologia, sociologia, estetica, neuroscienze) con il marketing.

Share This